Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Da San Gemini al polo nord, Lorenzo Barone si fa male a un ginocchio e deve sospendere la spedizione in bici

  • a
  • a
  • a

Ancora una battuta d’arresto per Lorenzo Barone, il giovane di San Gemini, protagonista di un viaggio in solitaria nella Siberia orientale con la sua bici. Un infortunio al ginocchio ha costretto ad interrompere, per ora, la sua avventura di oltre 2.770 chilometri nella Repubblica russa della Sacha-Jacuzia. “Avevo pedalato i primi 400 chilometri, ma nel corso degli ultimi giorni - racconta - ho avuto vento contrario e, sforzando più del dovuto a -25 e -35 gradi, ha iniziato a farmi male ed a gonfiarsi il ginocchio destro. Ho continuato a pedalare per arrivare a Orto-Surt, un villaggio di 600 abitanti nel quale mi sono riposato sperando che passasse presto il dolore.

Ma purtroppo così non è stato. Ho lasciato la bici e l'equipaggiamento ad Orto-Surt e sono tornato a Pokrovsk, nella speranza che il ginocchio guarisca e di poter riprendere il viaggio il prima possibile”. Dopo il primo tentativo dello scorso dicembre, interrotto per il cedimento delle camere d’aria che non reggevano al freddo estremo, il giovane era partito l’8 febbraio scorso dal villaggio di Pokrovsk - dove vive da oltre un anno e dove si è sposato il 15 gennaio con la siberiana Aygul - in direzione del villaggio di Yuryung-Khaya, nei pressi dell’oceano Artico (mare di Laptev). Le temperature per raggiungere e percorrere la Anabar Road: la “strada” più a nord del mondo, erano ottimali.

“In questi ultimi giorni è arrivata un’ondata di caldo e le temperature sono passate da una media di 50 sotto zero a una media di -30, sembra di essere alle Maldive”, aveva ironizzato lo stesso Barone. Tuttavia, dovendo ancora raggiungere la prima tappa nella città di Mirny, Barone è preoccupato per lo stato del percorso: “Anche se le temperature al mattino a volte toccano ancora i 40 sotto zero, l'inverno sta per terminare e per arrivare a Yuryung-Khaya ho bisogno delle basse temperature, perché il ghiaccio che forma la strada - fiumi e piccoli laghi - non si sciolga. Farò tutto il possibile - afferma - per ritornare sulla mia bicicletta”.