Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, arrivano in Umbria dalla Lombardia 19 medici e infermieri con Bertolaso

Il personale medico sarà diviso tra l'ospedale di Perugia e quello di Spoleto

  • a
  • a
  • a

"Ho detto subito si, assolutamente sì. Così come altra gente è venuta ad aiutare noi, adesso è giusto che siamo noi a tendere la mano" così Sara Cattaneo, infermiera dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, racconta la decisione di tornare in prima fila per aiutare i colleghi a salvare vite in Umbria. Con questo spirito sono in totale 19 i medici e gli infermieri che la Lombardia ha deciso di inviare in Umbria per rispondere alla richiesta di aiuto "urgente" della Regione. Guido Bertolaso  accompagnerà il contingente medico in qualità di consulente del presidente Donatella Tesei per l'emergenza Covid. 

 

 

Nessun dubbio, nonostante l'alto rischio, come racconta l'infermiera intervistata dal Tg1. "Si entra nell'ospedale e si lavora. Sonocontenta e pronta per partire" dice tornando indietro di mesi quando Bergamo era in difficoltà. Ora la situazione è migliorata ma l'emergenza resta. "Dobbiamo continuare a restare vigili e in allerta" conclude l'infermiera che con spirito solidaristico ora metterà le sue conoscenze ed esperienze maturare nella scorsa primavera, a supporto delle criticità dell'Umbria. "Solo con spirito di unità e solidarietà il Paese intero riuscirà a superare questo difficile momento" hanno commentato il presidente della Lombardia Attilio Fontana e l'assessore al Welfare Letizia Moratti.

 


La task force medica è composta da 11 infermieri, 7 tra anestesisti e rianimatori più uno pneumologo. I sanitari lombardi saranno operativi da lunedì 22 febbraio negli ospedali di Perugia e Spoleto dove saranno a disposizione per le prossime settimane (due o tre). In particolare - riferisce l'Ansa - a Perugia andranno 5 tra anestesisti e rianimatori e 9 infermieri. A Spoleto 2 rianimatori, un medico pneumologo e due infermieri. Si tratta di personale che viene da Milano, Lodi, Bergamo, Cremona, dal Policlinico San Matteo di Pavia, tutte strutture che hanno maturato grande esperienza nella gestione della pandemia.