Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, cibo e vino da asporto insieme alle poesie

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Mescolare versi con la calamarata, liriche con il kebab di baccalà o con il panuozzo del nord. Si può. A Perugia nasce in piazza Birago, all’osteria Sud di Raffaella Sforza il progetto dello scrittore paesologo Franco Arminio per condire con la poesia i piatti e dare maggiore slancio alle pratica dell’asporto e del delivery imposte dai tempi di pandemia. “Ho chiuso del tutto l’attività per un mese e mezzo - racconta Sforza - proprio per riorganizzarmi e trovare nuove idee. Da qui ho deciso di riprendere con l’asporto e il delivery seguendo però lo stile del locale. Ed è stato importante l’incontro con Arminio e le sue poesie. Il progetto è un tributo che lo scrittore ha voluto fare al mondo della ristorazione alle tante difficoltà che si stanno affrontando”. 

L’esperimento quindi del menù con poesie allegate nasce a Sud ma la volontà è quello di estenderlo in altre realtà del Paese. E calza a pennello in quei luoghi che nascono proprio come locali per pensare. Le poesie, confezionate su cartoline illustrate ed edite da Simona Badiali, possono essere ordinate, con tre euro, insieme ai piatti nel menu digitale (www.leggimenu.it/menu) e ricevute a casa o possono essere ritirate direttamente all’osteria Sud.

“C’è stata subito molta attenzione, ci chiamano in tanti per avere informazioni sul progetto e poi c’è chi ordina i piatti con poesia per fare un regalo”, fa sapere Raffaella. “Potevamo solo concepire così il piacere della convivialità in un momento come questo - prosegue - Seguendo comunque le linee del nostro locale che, oltre al menu che mescola i sapori del Sud con quelli della terra umbra, ha anche voluto rendere sempre protagonisti i libri, le opere artistiche. Ospitare eventi culturali è stata anche un’altra attività che abbiamo sempre portato avanti insieme alla ristorazione. In oltre a Sud è sempre stato importante offrire sorrisi e gentilezza a chi entra, continuiamo a farlo attraverso i versi di Arminio e le grafiche di Badiali”.