Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, strisce blu: nuovi parcheggi a pagamento nelle vie a ridosso del centro

Maria Luce Schillaci
  • a
  • a
  • a

Nuovi stalli a pagamento a Terni. Nella giornata di lunedì 15 febbraio 2021, infatti, sono stati avviati i lavori in alcune vie centrali per la realizzazione di parcheggi di superficie a strisce blu. Si tratta, in particolare, di zone a ridosso della Ztl dove, fino ad ora, molti automobilisti parcheggiavano gratis e arrivavano in centro con pochi passi.

Tra le vie, come si legge nella delibera, figurano la zona di Porta Sant’Angelo, via Botticelli, piazza Dalmazia, via Volta, largo Don Minzoni, via Battisti, via Galvani, piazza Dante, viale della Rinascita, piazza Tacito, largo Ottaviani, corso del Popolo, via Tre Monumenti. Ora, dunque, si dovrà pagare il ticket per la sosta dell’auto. E già da lunedì mattina una decina di cittadini si sono visti multare dalla polizia locale, con conseguente rimozioni dei veicoli, per aver lasciato le proprie autovetture in sosta, per l’appunto proprio lungo via Porta Sant’Angelo. I lavori per le nuove strisce blu erano stati segnalati dal Comune da giovedì scorso appositamente per evitare situazioni del genere. Ma sia ben chiaro: non si tratta di ulteriori posti a pagamento in più rispetto a quanti ve ne erano già in precedenza. Infatti, come precisano anche dagli uffici preposti di palazzo Spada, il numero di posti a pagamento, gestiti da TerniReti, è stato soltanto “riequilibrato”, in base alle disposizioni comunali, dopo che altri ne sono stati rimossi, ad esempio in via Lungonera, per fare posto alla pista ciclabile.

Di fatto i posti a pagamento in città restano sempre 1.600. Inoltre il Comune ha anche dato seguito alle istanze di alcuni cittadini residenti che chiedevano una diversa collocazione delle strisce blu nelle aree di residenza, nella loro stessa via, per approfittare delle agevolazioni di abbonamento riservate ai residenti stessi. Sulla questione, però, monta la polemica politica. A prendere posizione è il Movimento Sociale Fiamma Tricolore, per voce del referente regionale Niccolò Francesconi: “Prima di fare ulteriori parcheggi a pagamento – chiede Francesconi – è stato fatto un censimento per verificare quanti sono quelli gratuiti? Siamo sicuri – aggiunge - che la ricetta per aiutare i commercianti, soprattutto quelli del centro, è di fare ulteriori parcheggi a pagamento? Quando il Comune ha deciso di predisporre delle aree da destinare a parcheggio con strisce blu, ha valutato di fare, in prossimità, anche parcheggi gratuiti per gli automobilisti? Il Movimento Sociale Fiamma Tricolore - prosegue - è a conoscenza che il Comune non può predisporre solo aree di parcheggio a pagamento, o con limite di durata, ma deve provvedere a predisporre anche aree di parcheggio gratis. Riguardo questa situazione – conclude - invitiamo la giunta comunale a richiedere un censimento per fare chiarezza”.