Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Foligno, il sindaco Zuccarini: "Chiesti più uomini delle forze dell'ordine per garantire la sicurezza"

  • a
  • a
  • a

Nel territorio di Foligno sono state due settimane complesse sul fronte sicurezza quelle appena trascorse, tanto che il sindaco Stefano Zuccarini sta procedendo ad attuare un piano speciale insieme alle forze dell'ordine per cercare di contrastare gli episodi di microcriminalità che hanno colpito diverse zone del territorio comunale. “Come amministrazione stiamo procedendo alla richiesta di invio di nuovi uomini per integrare gli organici delle forze dell'ordine che purtroppo presentano delle carenze numeriche in città. Continua, dunque, la nostra stretta collaborazione con polizia e carabinieri ma nel frattempo ci stiamo attivando personalmente con la pianificazione di un piano cittadino di videosorveglianza e l'apertura di un posto di polizia locale in centro storico". 

Azioni necessarie per il Comune, già annunciate in parte negli scorsi mesi come nel caso dell'instaurazione di un posto di polizia locale in centro (si parlava di piazza Matteotti, dove recentemente sono state installate due nuove telecamere di videosorveglianza visti i tanti episodi di microcriminalità di cui è stata teatro), a fronte degli ultimi casi di violenza. Solo nel mese di febbraio si è assistito a uno scippo ai danni di una signora fuori da un supermercato, a un tentato scippo in centro storico, ad una rapina ai danni di una 93enne in casa, a diversi furti tra cui quello ai magazzini dei carri del carnevale di Sant'Eraclio e infine, nella notte tra venerdì e sabato, il Postamat fatto saltare in aria nella stessa frazione che ha fruttato 20 mila euro ai malviventi. Contemporaneamente, come fa sapere il sindaco, sono state portate avanti azioni di contrasto alle occupazioni abitative abusive.

“Come amministrazione abbiamo portato avanti un'azione di contrasto all'occupazione abusiva delle abitazioni dell'Ater da parte di quattro nuclei familiari, procedendo con le relative ordinanze di sgombero – ha detto Zuccarini – Si tratta di quattro famiglie italiane, di cui tre di etnia rom che occupavano abusivamente le abitazioni di via Monte San Gabriele e via Monte Santo”. 
Una situazione, quella legata alla sicurezza, che ha fatto scattare la polemica anche tra le fila dell'opposizione. “Stiamo assistendo a un’impennata preoccupante di atti di microcriminalità in città – afferma in una nota Patto per Foligno - Una situazione davvero inaccettabile e che colpisce la popolazione in un momento già molto difficile. Ci chiediamo dov’è il tanto decantato e annunciato presidio del territorio da parte della giunta comunale di centrodestra che, come è stato detto più volte in modo demagogico e strumentale, voleva imprimere a questa città un cambio di passo sul tema della sicurezza”.