Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, non rispettano le disposizione anti Covid: 36 multati

  • a
  • a
  • a

Sanzioni per non aver rispettato le misure anticovid, controlli lungo le strade e nei locali, attività mirata a contrastare la microcriminalità e in particolare il traffico di droga. In azione a Gubbio polizia locale, polizia di Stato con tre pattuglie da Città di Castello e carabinieri. Per ciò che concerne il rispetto delle normative anticovid sono state 10 le attività e i pubblici esercizi che sono finiti nel mirino dei poliziotti. Per ciò che riguarda invece i servizi sulle strade sono stati controllati e identificati 60 automobilisti e 40 i mezzi ispezionati. In attività anche i carabinieri che hanno effettuato posti di controllo non solo lungo le arterie, ma anche anche sulle strade dell’immediata periferia cittadina. I militari coordinati dal capitano Del Sette hanno svolto anche attività mirata a contrattare la microcriminalità, con particolare attenzione per ciò che riguarda il traffico di sostanze stupefacenti.

 

La polizia locale invece ha reso noti alcuni dati relativi all’attività che riguarda il contenimento dell'emergenza epidemiologica (i servizi sono coordinati dal comandante tenente colonnello Elisa Floridi): sono state 185 le persone sanzionate, dal 2020 ad oggi, per non aver rispettato quanto previsto dal dpcm.

 

Le violazioni accertate sono state 149 nel 2020 e 36, dal primo gennaio 2021 a metà febbraio. Riguardano soprattutto assembramenti, mancato uso corretto delle mascherine, spostamenti ingiustificati, consumazione di alimenti e bevande all'interno di pubblici esercizi nei periodi di divieto, mantenimento dell'apertura di attività non consentite e non rispetto della quarantena. Il vice comandante, capitano Massimo Pannacci sottolinea che: “I numeri sono l'evidenza che il nostro Comando è particolarmente sensibile ed attivo nella vigilanza delle norme anti covid, sono centinaia i servizi dedicati fino ad oggi al controllo, la prevenzione ed inevitabilmente anche alla conseguente repressione”.  Naturalmente i controlli continueranno fino a che la situazione non tornerà tranquilla, ma su questo versante una data non c'è.