Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, arresti per droga dei carabinieri: coppia trovata con oltre un chilo di marijuana in casa

  • a
  • a
  • a

Una coppia che vive a Ternilui pugliese di origine, 40enne, V.P. le iniziali, lei bosniaca, di 28 anni, K.S., entrambi già conosciuti alle forze dell’ordine per reati legati agli stupefacenti – è stata arrestata dai carabinieri della sezione radiomobile del comando Compagnia di Terni con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di marijuana.

I due erano infatti a bordo della propria auto che è stata fermata nella notte tra il 13 e il 14 febbraio 2021 in via Bramante, nell’ambito dei controlli per la prevenzione dei reati e per il rispetto delle prescrizioni legate al contagio da Covid,. Al di là di un certo nervosismo che i due hanno subito manifestato, ai militari non è sfuggito come dall’auto uscisse un forte odore di marijuana, segno che la coppia era stata a contatto e aveva probabilmente “maneggiato” fino a poco prima la sostanza stupefacente.

I carabinieri hanno così deciso di perquisire l’abitazione dei due, in una zona semicentrale della città, ed infatti nell’appartamento è stato trovato oltre un chilo di marijuana (per l’esattezza 1.050 grammi). Oltre alla droga, la coppia aveva in casa una bilancia elettronica, cellophane utilizzato per il confezionamento dello dosi, 180 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività di spaccio. Inoltre è stata trovata anche un’agenda dove erano stati minuziosamente i vari passaggi del “dare-avere” con i clienti, per ciò che concerne la cessione della stessa sostanza.

Come se non bastasse, durante la perquisizione il quarantenne ha colpito uno dei militari con un pugno al volto, provocandogli ferite giudicate guaribili in ospedale in quindici giorni, il che gli è costato anche la contestazione dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.
La coppia è stata così posta agli arresti domiciliari, dove ha trascorso il giorno di San Valentino, su disposizione del pm di turno, Camilla Coraggio, in attesa del processo per direttissima.