Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, allerta gialla per neve nella giornata di venerdì 12 febbraio: gelo, ghiaccio e precipitazioni anche a bassa quota

  • a
  • a
  • a

Umbria, la protezione civile regionale ha diramato un'allerta gialla per rischio neve per la giornata di venerdì 12 febbraio. L'avviso si riferisce all'intero territorio regionale. Si raccomanda quindi la massima prudenza per chiunque dovesse effettuare degli spostamenti, anche per il rischio ghiaccio che si sarà a partire dalla serata di oggi.

 

E' infatti previsto un brusco calo delle temperature, che si protrarrà per tutto il fine settimana, con la possibilità che si manifestino precipitazioni nevose anche a bassa quota. In particolare, questo rischio sarà più probabile dalla sera di domani. Le cime dei monti torneranno quindi a imbiancarsi, dopo diversi giorni con temperature globalmente superiori alla media stagionale, che hanno fatto sciogliere, tranne che in Valnerina o in alcuni punti dell'appennino umbro-marchigiano, la neve che si era depositata nelle settimane precedenti. L'ondata di maltempo interesserà buona parte dell'Italia e delle regioni del centro, con nevicate e precipitazioni che nel Lazio hanno portato la protezione civile a diramare un avviso di allerta arancione. E' atteso infatti il passaggio di correnti fredde, con l'ormai noto vento Burian, proveniente dalla Siberia, che daranno origine a fenomeni nevosi e raffiche che incrementeranno la percezione del freddo su buona parte della penisola.

 

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile, insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.