Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

San Giustino: è ai domiciliari per minacce all'ex moglie, li evade e viene arrestato

  • a
  • a
  • a

 I carabinieri della stazione di San Giustino, hanno arrestato un 55 enne del posto per evasione dagli arresti domiciliari. L’uomo, indagato da alcuni mesi per stalking nei confronti della ex moglie, nel tempo si era reso responsabile di una serie infinita di violazioni alle prescrizioni emesse dalla magistratura e finalizzate ad interrompere le condotte vessatorie per le quali risulta indagato.

 

Infatti, il 55enne, dopo la denuncia della ex moglie, aveva continuato a pedinarla e minacciarla, tanto da indurre i magistrati ad emettere a suo carico un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna. Divieto che però non era bastato a limitarne gli eccessi, visto che l'uomo aveva continuato a molestarla e non avevano sortito alcun effetto nemmeno le esortazioni al rispetto della misura cautelare formulate al 55enne nel corso della prima udienza dibattimentale. Solamente un paio di giorni più tardi, infatti, l’uomo, “in una vera e propria escalation sfuggita ad ogni possibilità di controllo” (come si legge nel provvedimento firmato dal giudice), aveva nuovamente violato il divieto di avvicinamento rivolgendosi all'ex moglie e minacciandola di morte. Da qui la misura degli arresti domiciliari.

Nella mattinata di lunedì 8 febbraio, si è consumato l’ennesimo episodio. L'uomo è stato sorpreso dai carabinieri di San Giustino, mentre si trovava fuori dalla propria abitazione da dove non si sarebbe dovuto muovere, alla guida della sua auto tra le strade del centro.

 

Arrestato in flagranza per evasione dagli arresti domiciliari, l'autorità giudiziaria preso atto della inefficacia di tutte le misure cautelari adottate nel tempo e finalizzate ad evitare che l’uomo continuasse nelle sue condotte moleste, alla luce della evidente insofferenza dello stesso verso qualunque esortazione o misura restrittiva, hanno disposto per lui la custodia cautelare in carcere, dove è stato condotto dagli stessi militari che lo avevano arrestato a San Giustino qualche ora prima.