Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbertide, cassa integrazione alla Prosperius

  • a
  • a
  • a

Scatta la cassa integrazione all’istituto Prosperius Tiberino di Umbertide. Anche se ancora non si conosce il numero preciso di operatori coinvolti nè sono stati comunicati altri dettagli. la scelta è ufficiale da lunedì 8 febbraio. E la Fp Cgil, alla luce delle “preoccupati per ripercussioni economiche su lavoratori”, chiede di “definire subito un percorso condiviso per la celere ripresa delle attività”. Come detto serviranno nuovi incontri per definire le modalità di applicazione della cassa integrazione, compreso il numero degli operatori coinvolti. Al momento si parla di una trentina, ma non sono stati espletati tutti i passaggi necessari.

 

L’istituto Prosperius Tiberino di Umbertide sta vivendo un momento particolarmente difficile, a causa della presenza di un importante focolaio da Covid 19. Al 29 gennaio, secondo comunicazioni ufficiali della dirigenza dell’istituto, “erano 33 i pazienti e 23 gli operatori positivi”. A riferirlo in una nota è la Fp Cgil dell’Umbria, che esprime "la propria vicinanza ai pazienti e agli operatori colpiti, sia in maniera diretta che indiretta. Nel corso dei confronti effettuati tra le Rsu e i vertici aziendali - scrive ancora il sindacato - abbiamo dovuto prendere atto della decisione dell’istituto di ricorrere allo strumento della cassa integrazione, quale soluzione temporanea per gestire il personale attualmente non impiegabile".

 


E’ palpabile la preoccupazione per le ripercussioni economiche che subiranno i lavoratori posti in cassa integrazione e per i tempi incerti di ripresa delle attività, unica condizione per riportare i lavoratori al più presto in Istituto. "Per ripristinare un servizio di riconosciuta eccellenza riabilitativa agli utenti abbiamo formulato e formalizzato, in sede di confronto le nostre proposte in termini di mitigazione degli effetti economici della cassa integrazione e di disponibilità a creare percorsi condivisi per riprendere rapidamente e in sicurezza tutte le attività” argomenta ancora il sindacato. Novità ulteriori sono attese nei prossimi giorni.