Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, disabile di Lisciano Niccone non può ricevere il contributo per studiare all'università

Giovanni Dozzini
  • a
  • a
  • a

Che differenza c'è tra un diritto e un privilegio? Guglielmo Mezzanotte è costretto a chiederselo da tempo. La sindrome di Duchenne, la rara malattia degenerativa che lo costringe a vivere su una sedia a rotelle da quando è bambino, condiziona la vita di questo ventunenne di Lisciano Niccone (in provincia di Perugia) e della sua famiglia. Nel 2016 Guglielmo ha sottoscritto con la Regione Umbria un Patto di cura, da rinnovare ogni tre mesi, che gli garantisce un sostegno economico per l'assistenza fatta da Maurizio e Lavinia, i suoi genitori.

Nel 2017 ha partecipato al bando della Regione destinato ai Progetti per la vita indipendente per cittadini con disabilità accertata. Il suo progetto di vita è studiare Informatica a Perugia. Vinto il bando ha cominciato a frequentare e a dare esami, con l'assistenza di un operatore. Pochi mesi fa ha vinto di nuovo il bando, ma il progetto non è stato rifinanziato. La Regione, infatti, a ottobre ha emanato la delibera di giunta 993, che contiene una disposizione controversa. “Prima di Natale – spiega Maurizio – il Centro di salute di Umbertide mi ha comunicato che Guglielmo avrebbe dovuto scegliere tra patto di cura e progetto di vita indipendente”.

Nel passaggio incriminato si spiega che l'assistenza indiretta è incompatibile con “altri contributi economici erogati per le medesime finalità”. Quindi anche i progetti di vita indipendente. Guglielmo non vuole scegliere e al momento non gode di alcun contributo. Della questione è stata investita Paola Fioroni, consigliere regionale leghista e presidente dell'Osservatorio regionale sulla disabilità. “Ne ho parlato con gli uffici per sollecitare una soluzione emergenziale - dice - Per me è chiaro che non si possono mettere in alternativa diritto all'assistenza e quello a una vita indipendente. La soluzione può essere la messa a sistema di progetti personalizzati con budget ad hoc”.