Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, in arrivo 3.700 dosi Astrazeneca. Punti vaccinali in cva, struttura Enac e Umbriafiere

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Sono attese per oggi, 8 febbraio, le prime dosi del vaccino Astrazeneca in Umbria. La direzione della farmacia dell’ospedale di Perugia ha ricevuto l’annuncio di 1900 per il Santa Maria della Misericordia e 1800 all’ospedale di Foligno. Ora hub per lo stoccaggio sono due Perugia per l’Usl 1 e Foligno per l’Usl 2. La partita umbra arriva dalla ripartizione delle
249.600 dosi del vaccino Astrazeneca arrivate sabato pomeriggio all’aeroporto dell’Aeronautica Pratica di Mare. Da oggi saranno distribuite nelle varie regioni con il concorso di Sda express courier e delle Forze Armate nell’ambito dell’“Operazione Eos”.

Dopodomani, mercoledì, sono invece attese le altre forniture di Moderna: 1100 a Foligno e 1200 a Perugia. 
Oggi è previsto l’ultimo summit per individuare i 22 punti per l’avvio della vaccinazione di massa. In alcuni territori sono stati già definiti. 
Si candida ad essere l’hub di riferimento per tutta la provincia di Perugia il centro Umbria Fiere di Bastia Umbra, nel distretto di Assisi. Il sopralluogo dei tecnici della Regione è già stato effettuato. Già la sala congressi, da sola, potrebbe ospitare i vaccini giornalieri di tutta la regione. Due i punti vaccinali previsti al momento. Il presidente della società regionale, Lazzaro Bogliari, spiega che sotto il profilo tecnico c’è già stato l’ok. 
Nel distretto del Perugino ci sono il palazzetto dello sport a San Mariano di Corciano, con due postazioni vaccinali, e la struttura di Ponte D’Oddi, strada San Marco, nel capoluogo. Attivabili in caso di necessità il palazzetto dello sport di Torgiano e il cva di Ponte San Giovanni. 


Nel distretto di Foligno selezionata la struttura Enac presso l’aeroporto con due punti vaccinali previsti.
Nel distretto dell’AltoTevere oggi è previsto un sopralluogo al cva di Trestina.
Nel Trasimeno sono in ballo due punti, sempre Cva, uno a Castiglione del Lago e uno a Tuoro. 
Nel distretto di Terni tre punti vaccinali saranno collocati nei poliambulatori di via Bramante. Oggi si attende il quadro definitivo e qualche cambiamento potrebbe esserci. 

Gli standard richiesti dalla Regione sono di spazi ampi al chiuso, un parcheggio altrettanto capiente, mezzi e dotazioni per allestire una sala informatica. Ma non ci sono solo i punti vaccinali.
L’accordo con gli 800 medici di base per la somministrazione agli 89 mila anziani prevede anche, come anticipato in queste pagine, vaccini fatti a domicilio per i non autosufficienti. Ma anche la possibilità di recarsi negli ambulatori, proprio come accade per il vaccino antinfluenzale. Il 12 partono le prenotazioni, somministrazioni a partire dal 15 febbraio.