Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, zona rossa tutta la provincia di Perugia e sei comuni del Ternano

polizia-controlli

  • a
  • a
  • a

A partire dalle ore 24 di domenica 7 febbraio, 65 comuni dell'Umbria entreranno in zona rossa per due settimane: si tratta dei 59 della provincia di Perugia e di 6 della provincia di Terni (Amelia, Attigliano, Calvi, San Venanzo, Lugnano in Teverina, Montegabbione).
La decisione è stata presa nel corso della riunione del Centro operativo regionale alla quale hanno preso parte i vertici della Regione, l'Anci, i prefetti di Perugia e Terni e i sindaci dei comuni interessati.

 


Si conclude così una giornata ad alta tensione, determinata dalla necessità di prendere decisioni forti e rigorose alla luce dei dati preoccupanti che si stanno registrando nella maggior parte del territorio regionale. Il nuovo tetto toccato dai ricoveri negli ospedali umbri e la costante pressione che si registra nei reparti di terapia intensiva, uniti all'individuazione delle varianti inglese e brasiliana hanno determinato la stretta. Anche nella giornata di oggi, sabato 6 febbraio, la situazione è stata pesante con 351 nuovi positivi in Umbria nelle ultime 24 ore in base al bollettino. Anche se il dato è in calo rispetto ai 443 del giorno precedente. Otto i morti in più (831 in tutto) con nuovo balzo dei ricoveri: 15 in un giorno, con una quota raggiunta di 458. Superato il picco di 451 toccato il 23 novembre scorso, il più alto di sempre in Umbria dall'inzio della pandemia. Passano da 66 a 70 anche i ricoverati Covid in terapia intensiva.

 

 

Giù invece il tasso di positivi rispetto ai tamponi (il calcolo più indicativo è quello sui soli molecolari, visto che i positivi scoperti con gli antigenici per essere tali devono a loro volta essere confermati dai molecolari stessi): siamo all'8,2%. Il giorno prima la percentuale era dell'11,4%. Sono stati 4.270 i test molecolari eseguiti, gli antigenici 4.279. I nuovi guariti ammontano a 159. Superati dagli attualmente positivi delle ultime 24 ore, pari a 184, (6.582 in tutto). In crescita di 363 unità anche i soggetti in isolamento (8.545).