Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, multe da 600 euro per otto furbetti dei rifiuti. Sequestrate tre discariche

Filippo Partenzi
  • a
  • a
  • a

A Spoleto multe salate per i furbetti dei rifiuti. Stanno producendo risultati concreti i numerosi controlli tesi a contrastare il fenomeno dell’abbandono di immondizia nel territorio comunale. Dal primo gennaio al 31 ottobre 2020 i carabinieri forestali della stazione locale hanno infatti emesso otto verbali amministrativi, di cui due grazie all’ausilio delle quattro fototrappole che il Comune ha assegnato ai militari dopo averle ricevute nel 2018 dall’Auri, per un totale di 4.800 euro. Nello stesso periodo preso in esame, inoltre, sono stati avviati otto accertamenti di natura penale a carico di dieci persone. Ai soggetti pizzicati dalla forestale, in particolare, sono stati contestati i reati di deposito incontrollato di rifiuti nonché di smaltimento illecito degli stessi. I dati risultano in aumento rispetto a quelli registrati nel 2019, durante il quale le multe elevate sono state sette (totale complessivo 4.200 euro) e le persone deferite all’autorità giudiziaria tre.

“Il monitoraggio - ha spiegato l’assessore all’Ambiente, Maria Rita Zengoni - riguarda le frazioni e le zone montane, visto che il centro storico è di competenza della polizia municipale e dell’ispettore ambientale. Nel 2020 sono state poi individuate tre discariche abusive con i relativi sequestri penali a causa della presenza di materiale pericoloso. Di recente ho provveduto personalmente a segnalarne un’altra ai carabinieri forestali - ha rivelato - che hanno subito raccolto alcuni elementi ed aperto l’indagine, tuttora in corso. Stanno svolgendo un ottimo servizio a favore della comunità e pertanto li ringrazio”. Stanno quindi rivestendo un ruolo importante le fototrappole (in grado di registrare in tempo reale e funzionare anche nelle ore notturne), fortemente volute dall’amministrazione al fine di tutelare il territorio e ad avere uno strumento in più attraverso il quale scoprire e punire i trasgressori.

I cittadini intenzionati a dare il loro contributo alla lotta al degrado possono contattare l’ufficio ambiente del Comune (0743/218638), la Vus (numero verde 800/308678) oppure utilizzare il sistema “Arpalert” dell’Arpa. “Vedi rifiuti abbandonati? Scatta una foto o registra un video e inviali tramite WhatsApp al numero 335/7260163 specificando la località esatta”. Disponibile pure l’applicazione “Junker” della Valle Umbra Servizi che consente all’utenza di segnalare situazioni critiche, conoscere “l’ubicazione dei punti di raccolta, i percorsi, i calendari del porta a porta, le indicazioni per i rifiuti speciali” nonché avere, scansionando il codice a barre del prodotto o dell’imballaggio, informazioni circa “la scomposizione nelle materie prime e i bidoni a cui sono destinati. Un database - fa sapere l’azienda - in progress che viene aggiornato quotidianamente”.