Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perché Amazon ha scelto l'Umbria. La soddisfazione del sindaco Chiodini e della governatrice Tesi

  • a
  • a
  • a

La decisione di Amazon di aprire un nuovo deposito di smistamento in Umbria, nel territorio comunale di Magione, viene salutata con soddisfazione dalla classe politica. La struttura creerà inizialmente cento posti di lavoro (tra personale diretto e di terzi) e non è affatto escluso un ulteriore sviluppo, come spesso accade ai centri Amazon. Ovviamente esulta Giacomo Chiodini, sindaco di Magione: “La scelta di questa zona dell’Umbria da parte di Amazon Italia – spiega – è il riconoscimento del ruolo importante di questo territorio nel settore della logistica".

"La centralità geografica di Magione rispetto al resto dell’Umbria e della Toscana è infatti rafforzata da tempi ridotti per il trasporto merci garantiti dal raccordo autostradale Perugia-Bettolle. Un asse viario che permette di contare su un elemento aggiuntivo di competitività economica, oggi ancora di più prezioso e importante. La costruzione dell’hub non ha occupato ulteriore suolo, ma ha recuperato un’area costituita da capannoni dismessi da tempo”. Soddisfazione viene espressa anche dalla governatrice, Donatella Tesei:

"Mi fa molto piacere - dichiara - che sia stata scelta l’Umbria come nuova sede per la logistica distributiva Amazon. Creare le condizioni affinché il nostro territorio sia sempre più attrattivo per progetti solidi come questo, è uno dei nostri obiettivi. Non a caso proprio nei giorni scorsi è stato firmato un protocollo, che va verso questa direzione, con Confindustria Umbria e nazionale. Questo nascente progetto - ha aggiunto la presidente della Regione Umbria - nel territorio di Magione permetterà la creazione di 100 posti di lavoro che, soprattutto in un periodo complesso come quello che stiamo vivendo, hanno un forte e positivo impatto sulla nostra regione". Amazon dal suo arrivo in Italia, nel 2010, ha investito 5.8 miliardi e creato 9.500 posti di lavoro a tempo indeterminato. Nel 2020 le assunzioni sono 2.600, destinate a salire anche nel corso del 2021.