Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, cava dismessa trasformata illecitamente in area benessere: sette indagati

  • a
  • a
  • a

Giovedì mattina 4 febbraio i carabinieri del Nucleo operativo ecologico,  delegati dalla Procura della Repubblica di Perugia, hanno dato esecuzione a un decreto di perquisizione emesso nei confronti di quattro indagati, a vario titolo, per i reati di inquinamento ambientale, impedimento del controllo, gestione illecita di rifiuti speciali, realizzazione di opere edilizie in assenza del permesso a costruire, abuso d’ufficio, falsità ideologica in certificati commessa da persona esercente servizio di pubblica utilità. Sono state appurato una serie di irregolarità legate al riambientamento di una ex cava dismessa nel territorio del Comune di Gubbio.

 

Sul sito è stati svolti scavi non autorizzata in area sottoposta a vincoli con deterioramento del territorio e, in luogo delle opere di stabilizzazione del fronte della cava, è stata abusivamente realizzata addirittura un’area wellness, con profili di responsabilità a carico di due tecnici del Comune e del direttore dei lavori, oltre che del proprietario dell’area. Nel corso dell’attività, nell’ambito della quale sono complessivamente sette gli indagati, i carabinieri hanno appurato che dall’area, sottoposta a vincoli, sono stati esportati circa 16.500 metri cubi di terre e rocce. Inoltre, al posto di una struttura in cemento armato (che era stata autorizzata con finalità di stabilizzazione di un versante del fronte di cava) è stata realizzata "una costruzione (ancora allo stato grezzo) comprendente un garage, tre vani e un’ampia area benessere munita di piscina e sala macchine con aperture lungo due lati, preventivamente chiusa con tamponatura di legno appena verniciato, con lo scopo di occultarne la presenza" si legge in una nota stampa.

 

 Risultano infine irregolarità anche tra il progetto presentato al servizio regionale competente in materia di deposito sismico e quello presentato presso il Comune di Gubbio, nonostante dalle dichiarazioni di inizio e fine lavori gli stessi risultino eseguiti in conformità al progetto approvato.