Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Autovelox, ancora due apparecchi sulle strade dell'Umbria: fioccano le polemiche

  • a
  • a
  • a

Ancora un autovelox fisso sulle strade dell'Umbria. Stavolta è l'amministrazione comunale di Massa Martana ad annunciare che dalla giornata di venerdì 5 gennaio, entrerà in funzione il nuovo apparecchio che sarà posizionato lungo la strada provinciale 316 dei Monti Martani, esattamente al chilometro 38. Un'altra "sentinella elettronica", dunque, che dovrà tenere d'occhio la velocità delle auto.

“Ricordiamo che lungo la Strada provinciale 316, nel tratto conosciuto come diretta di Santa Maria - avverte il Comune - il limite di velocità da rispettare è di 70 chilometri orari. Il mancato rispetto di tale limite e di altre norme del codice della strada hanno reso necessario l'installazione di tale autovelox al fine di garantire la sicurezza stradale di chi si trova a percorrere questo tratto di strada, altamente trafficato e con numerosi incroci a raso in prossimità di case e attività produttive”. Dunque l'autovelox viene installato in quell'area proprio per alzare il livello della sicurezza per chi transita in tale tratto. 

Restando in tema di autovelox, è entrato in funzione l'apparecchio che il Comune di Valtopina ha allestito al chilometro 166 della Strada Statale Flaminia. Anche in questo caso il limite di velocità che deve essere rispettato è quello di 70 chilometri orari. Il nuovo autovelox non è piaciuto per niente al sindaco di Nocera Umbra, Giovanni Bontempi, che ha inoltrato una formale richiesta all'Anas di innalzare il limite di velocità dove possibile. La strada è una extraurbana secondaria e il limite può essere consentito fino ai novanta chilometri orari, restando inferiore di venti per i mezzi pesanti. Il sindaco Bontempi sostiene di condividere l'importanza dei controlli, ma non il posizionamento dell'autovelox che è stato voluto dal comune di Valtopina in un tratto che viene percorso più volte al giorno da numerosi cittadini di Nocera Umbra che quindi rischiano di essere ripetutamente sanzionati.