Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, altri 12 morti in un giorno solo. Sono 283 i nuovi positivi, ospedali in allarme per i tanti degenti Covid

Esplora:

Fra. Mar.
  • a
  • a
  • a

Sono stati 12 i morti in Umbria ieri, a causa dell'infezione da Coronavirus. Il primo giorno di febbraio inizia quindi nel peggiore dei modi: con un numero molto alto di decessi che non si raggiungeva da diverse settimane. Era da novembre infatti che non si doveva registrare la morte di oltre 10 persone nella stessa giornata. Con l'aggiunta di questi ultimi decessi, il computo delle vittime Covid da inizio pandemia arriva inoltre a superare la quota 800. Sono infatti 801 per la precisione le vittime morte a causa del Covid dall'inizio della pandemia. 

 

 

 

 

Intanto, nei dati riguardanti il primo febbraio si riscontra l'individuazione di 283 nuovi contagiati. I positivi sono stati individuati dal'analisi di 4.764 tamponi: questo vuol dire che la percentuale di positivi sul totale dei tamponi si attesta attorno al 5,9 percento. Sempre nella giornata di lunedì 2 febbraio sono stati eseguiti anche 3.589 tamponi antigenici. Il risultato eventualmente positivo di un antigenico viene sempre validato con quello molecolare, ritenuto gold standard per la diagnosi di infezione da Covid. Sempre nella giornata di ieri  sono stati 142 i guariti, il che fa si che la curva degli attualmente positivi sia contenuta a 5.772 e non schizzi ancora più in alto. Alla giornata del 1 febbraio risultavano isolati in 7.740, 98 in più del giorno precedente in Umbria. 

 

 

 

Per quanto riguarda il fronte ricoveri invece vanno registrati 9 ricoveri in più: questo porta il totale dei degenti umbria nei reparti umbri dedicati al Covid a 430, pericolosamente vicino a quel 450 di fine novembre in cui si era raggiunto il massimo di ricoveri in Umbria. Di questi, tre si trovano in rianimazione, che arriva quindi a quota 61. A novembre si arrivò a oltre 75. Agenas indica l'Umbria come la regione con percentuali di occupazione dei letti di terapia intensiva più critica in tutta Italia. Un 45% che non ha nessun altra regione.