Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, vandali e assembramenti al parco Chico Mendez. Il grido di allarme: "Sindaco e polizia devono agire"

Patrizia Antolini
  • a
  • a
  • a

“Qui nell'area verde di fronte alla fermata del minimetro Cortonese siamo oramai esasperati dal sudiciume lasciato dai clienti, quelli incivili”, del fast food. “Urge un'azione forte da parte del Comune di Perugia e del sindaco Andrea Romizi. Aiutateci: le associazioni La Garden e Natura Urbana non riescono più a ripulire l'enorme quantità di rifiuti lasciati dai clienti che effettuano il takeaway”. E’ uno degli ultimi post lasciati sul gruppo Genitori del parco Chico Mendez. E ora il forte rischio è provocanto anche dagli assembramenti incontrollati di adolescenti nell’area, che continuano a verificarsi nonostante le restrizioni per il Covid 19.

“Insieme alle associazioni del territorio come la Garden, le altre forme di aggregazione sociale e l’imprenditoria locale come Mc Donalds, comprese le istituzioni nelle persone del sindaco Andrea Romizi e dell’assessore competente Otello Numerini, fino ad oggi abbiamo fatto rete, creando sinergie per realizzare un parco a misura di bambino - dice Daniele Ercolani di Natura Urbana che gestisce il parco - Purtroppo contro ignoranza, inciviltà e vandalismo l'impegno profuso non basta, ora è doveroso un presidio forte da parte delle forze dell'ordine come deterrente dopo gli ultimi incresciosi fatti accaduti, oltre che a garantire il rispetto delle normative previste per cercare di contenere la pandemia da Covid”.

Anche a causa della didattica a distanza, i ragazzi si sono spesso ritrovati nel parco anche nelle ore serali, oltre le 22, durante il coprifuoco: tanti gruppetti che cercano un po’ di libertà ma senza pensare a distanze e mascherine. “La situazione sta degenerando, figlia di un susseguirsi di atti barbari che devono essere condannati fermamente”, aggiunge Ercolani. “Da parte nostra diamo segnalazione agli organismi competenti di ogni episodio, confidando nell’ausilio delle telecamere per accertare responsabilità”. In settimana è previsto un incontro con l’amministrazione comunale guidata da Andrea Romizi per cercare di affrontare il problema.