Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Zaffini (FdI) attacca la giunta Tesei: "Serve una svolta che ancora non si è vista". Nel mirino sanità, rifiuti ed emergenza Covid

  • a
  • a
  • a

Terremoto nel centrodestra in Umbria dopo il duro attacco del coordinatore regionale di Fratelli d'Italia, Franco Zaffini, nei confronti della giunta regionale guidata da Donatella Tesei. "Serve una svolta che ancora non c'è stata", ha detto il senatore. Che nel suo lungo comunicato ha toccato diversi temi: dalla sanità ai rifiuti, dal Recovery Fund all'emergenza Covid.

 

"Fratelli d’Italia rivendica un profondo cambio di paradigma nella azione della amministrazione regionale: impensabile rincorrere solo i problemi e ma serve da subito visione e programmazione per sostenere e a volte arginare l’operato di una azione amministrativa che viene avvertita come calata dall’alto, in molti casi, senza contatto con la realtà" Da questa premessa iniziano le critiche alla giunta dove Fratelli d'Italia non ha un suo vero e proprio esponente, ma solo Michele Fioroni, quale "tecnico d'area".  "Ultimo esempio i progetti trasmessi al Governo per il Recovery Fund, frutto della programmazione della sinistra e raccattati alla rinfusa nei cassetti degli assessorati. Serve una gestione collegiale con il coinvolgimento del consiglio regionale e dei partiti (che ricordiamo hanno vinto le elezioni), e mettendo intanto fine al ruolo esorbitante del capo di gabinetto.  Già nel prossimo futuro serve adottare strumenti di preventiva condivisione mettendo fine a questa “assenza delle politica” e mancanza di visione. Anche, non certo ultima, la gestione pandemica della sanità è lasciata in emergenza quotidiana e in grave ritardo, sindaci usati come scudi umani nella emergenza (come sta accadendo in questi giorni anche sulle scuole e spazi pubblici) e interi territori in comprensibile agitazione e in aperta polemica con le scelte sanitarie della emergenza attuate senza un progetto di comunicazione e condivisione: esempio sul ruolo ospedali di Spoleto, Pantalla e Terni".

 

In conclusione "l’Umbria è attesa ad uno scatto di orgoglio e FdI è consapevole della grande responsabilità ricevuta dai cittadini. Appuntamenti che stanno alle porte come il piano sanitario e il piano dei rifiuti, che non possono essere affrontati con superficialità e arroganza, questa peraltro del tutto fuori luogo e fuori contesto. Va rinsaldata l’alleanza di coalizione che ha determinato una svolta attesa da anni ma che ancora non si è vista ed anzi appare oggi compromessa se non  negata". Facile immaginare che queste bordate non resteranno a lungo senza risposta.