Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, spuntano cartelli nel bosco: "Attenzione alle esche avvelenate"

Paolo Puletti
  • a
  • a
  • a

Bocconi killer, stavolta per fortuna senza vittime, visto che nel recente passato due cani da caccia sono morti proprio a causa di bocconi avvelenati. In questo caso un cane da caccia ha ingerito un’esca avvelenata a Monte Santa Maria Tiberina nella zona di vocabolo Calberia, ma il suo padrone - subito accortosi dell’evento - l’ha salvato portandolo immediatamente dal veterinario. Il sindaco Letizia Michelini ha comunicato che le aree interessate dal triste fenomeno sono già state segnalate con numerosi cartelli. In particolare si tratterebbe di esche appese a tronchi degli alberi, ma non si escludono altri ritrovamenti in altre aree boschive del comprensorio dell'Alta Valle del Tevere.

 

Alcuni cacciatori volontari si sono recati nelle zone segnalate per rimuovere altri bocconi avvelenati, segnalati in precedenza e successivamente consegnati all’Asl veterinaria competente. Sono stati allertati anche i carabinieri forestali e, nei prossimi giorni, arriverà da Visso l’unità cinofila antiveleno, specializzata nel ritrovamento di esche killer. Insomma la questione è seria e si rischia l'effetto domino.  “Dato che il fenomeno dei bocconi avvelenati in Umbria é sempre più crescente, – ha aggiunto montesco Letizia Michelini – spero che con il supporto delle istituzioni, si possa iniziare a pensare alla nascita di una unità cinofila antiveleno anche nella nostra Regione”.

 

La questione è seria, perché i bocconi killer costituiscono un autentico problema davvero di difficile gestione. I proprietari dei cani, ma lo stesso discorso si può fare per chi ama i gatti, al manifestarsi dei primi segni di avvelenamento corrono a portare l’animale dal veterinario, che spesso e volentieri però non riescono a salvarlo malgrado l'impegno profuso. Insomma è proprio il caso di intervenire con forza per risolvere il problema alla radice. Non c'è più tempo da perdere e le soluzioni vanno individuate il prima possibile. Le istituzioni lo sanno e si stanno attivando.