Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, nuovo focolaio all'ospedale di Perugia: un operatore e tre pazienti positivi a nefrologia

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Un altro focolaio segnalato all’ospedale di Perugia. Stavolta siamo nel reparto di nefrologia del Santa Maria della Misericordia. La conferma arriva dalla stessa direzione. Si tratta di un operatore e tre pazienti provenienti da altri reparti. Non è l’unico cluster nell’ospedale del capoluogo. Il 13 gennaio scorso l’azienda ospedaliera ha informato della presenza di personale positivo (sei operatori) nella degenza di malattie infettive.

Gli operatori positivi, asintomatici o paucisintomatici, sono stati rintracciati “grazie alla messa a regime di un sistema di sorveglianza sanitaria con il quale tutti i 3.000 dipendenti dell’azienda vengono sottoposti a tampone antigenico rapido una volta alla settimana”. Nei giorni precedenti si erano verificati altri casi nelle degenze di neurochirurgia e medicina interna: le criticità sono risolte “con azioni mirate di contenimento della trasmissione: ossia tamponamento, non più settimanale ma quotidiano, di tutti gli operatori sanitari, pazienti e care giver presenti nella degenza e del conseguente trasferimento ed isolamento dei pazienti in altri reparti”. Alcuni contagi del personale sanitario sono avvenuti dopo la somministrazione della prima dose di vaccino. L’azienda sta pensando alla chiusura delle visite ai pazienti in caso di nuovi focolai.

 All’interno delle strutture sanitarie di degenza, informa  ancora la direzione del Santa Maria della Misericordia, "sono stati ridotti i momenti di socialità durante le pause del lavoro e consentito l’accesso nelle aree comuni dei reparti ad una sola persona alla volta". I focolai oltre che negli ospedali e nelle cliniche sanitari  - vedi anche i casi del nosocomio di Castiglione del Lago e della Prosperius di Umbertide, sono il riflesso di un incremento dell'infezione a partire dalle feste di Natale. "Anche in Umbria - è la chiosa dell'ospedale di Perugia - si registra la tendenza in salita del numero dei contagi risultato di comportamenti poco rispettosi delle regole anticontagio durante le festività natalizie", Emblematico il caso di Magione.