Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, norme anti Covid violate: a Gubbio multe a bar e clienti. Giovani sorpresi senza mascherina

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

In Umbria, a Gubbio, tre studenti, nei pressi di una scuola secondaria, non hanno rispettato la distanza interpersonale e non indossato la mascherina e sono stati multati. Altri controlli effettuati al capolinea degli autobus hanno invece portato a quattro verbali elevati nei confronti di altrettanti minorenni, provenienti da altri Comuni senza alcun valido motivo. Poi oltre trenta clienti sono stati sorpresi mentre consumavano tranquillamente dentro alcuni bar del centro e della periferia. In totale sono stati una decina i locali controllati e altrettante le multe che sono scattate nei confronti dei titolari dei pubblici esercizi.

La polizia locale sta intensificando i servizi di prevenzione e controllo mirati a verificare il rispetto delle normative anticovid previste dal Dpcm. Gli interventi davanti alle scuole rientrano nell’ambito di quanto predisposto da un piano particolareggiato studiato e predisposto dalla Prefettura con controlli quotidiani all’ingresso e all’uscita delle scuole di ogni ordine e grado. 
La strategia d’azione si è resa necessaria dopo varie segnalazioni di presunte irregolarità nei pressi di vari istituti dove erano state viste decine e decine di studenti alcuni dei quali non avrebbero indossato correttamente la mascherina e addirittura qualcuno senza i dispositivi di portezione. Situazioni insomma, ad alto rischio e come potenziale stato di assembramento. Da qui l’ordine prefettizio e di conseguenza i controlli da parte delle forze dell’ordine.

Per ciò che concerne i controlli nei locali le pattuglie di vigili urbani con il vice comandante Massimo Pannacci in prima linea e coordinate dalla comandante tenente colonnello Elisa Floridi, hanno multato i titolari di sei bar (a Padule, San Marco, Semonte, Mocaiana, Corso Garibaldi e Piazza Quaranta martiri). Tutti per lo stesso motivo: il non rispetto di quanto previsto dal Dpcm in materia di beni da asporto. I clienti infatti sono stati sorpresi a consumare all’interno. In un caso, in un noto bar dell’immediata periferia cittadina, la pattuglia ha contato oltre venti persone (22). Alcuni di questi stavano consumando al bancone, altri ai tavolini e altri ancora stavano uscendo da un’altra stanza posta sul retro. Alla vista degli agenti hanno iniziato a uscire alla spicciolata da una porta secondaria, ma i vigili si sono appostati nelle vicinanze e ne hanno contati 17 mentre altri cinque sono rimasti nel bar. Anche in questo caso è scattata la multa per il titolare dell’esercizio. In un altro locale, poco più avanti e sempre in periferia, stessa situazione con i clienti beccati a consumare tranquillamente il caffè. Sono stati poi sanzionati un altro bar in città e altri due sempre in periferia e nelle zone dell’immediato hinterland.