Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, dai volontari dei vigili del fuoco di Città della Pieve 220 interventi l'anno

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

In Umbria sono 220 gli interventi che vengono compiuti in media ogni anno dal distaccamento volontario del corpo nazionale dei vigili del fuoco di Città della Pieve, in provincia di Perugia. Venti i vigili attivi, mentre dieci sono in attesa del corso. Numeri importanti, che fanno capire quanto sia importante il servizio che nel borgo del Trasimeno viene svolto dal 1995. I volontari pievesi infatti, ogni qualvolta la sala operativa regionale riceve una richiesta di soccorso in zona, sono pronti ad intervenire sul campo. Adesso stanno per arrivare anche nuovi spazi per l’attuale distaccamento, collocato nei depositi comunali di Canale, vicino alla ricicleria.

“I nostri vigili del fuoco sono sempre pronti all’intervento in tempi rapidissimi: per il Comune sono sicuramente una risorsa aggiuntiva – esordisce il sindaco Fausto Risini – di recente è stata costituita anche un’associazione di supporto, dove sono presenti i venti pompieri e una trentina di cittadini. Noi cerchiamo di metterli nella condizione di operare al meglio possibile”. 
Da anni viene richiesta la possibilità di ampliare l’attuale sede per quanto riguarda i garage e tutto ciò che concerne la logistica, anche a seguito delle recenti disposizioni anti Covid 19. “Come Comune abbiamo concesso altri 200 metri quadrati rispetto al deposito comunale che viene usato ad oggi come sede – prosegue il sindaco Risini – in questo modo si va ad un raddoppio degli spazi fin qui concessi in dotazione. Nel nuovo deposito ci saranno locali in più rispetto all’attuale sede, come zone filtro, di sanificazione, dove i vigili potranno cambiarsi, potranno tenere il loro materiale, le attrezzature e i loro vestiti in ambito isolato rispetto ai luoghi di gestione”.

Il Comune ha quindi ceduto un’altra porzione del proprio deposito e concesso quasi 13 mila euro, per la precisione 12.798,92, che verranno investiti sui nuovi spazi. “Tutto ciò insieme ai 38 mila euro che verranno investiti dai vigili del fuoco. I lavori sono in fase di appalto e verranno gestiti in maniera autonoma dagli stessi vigili del fuoco. Noi abbiamo dato le strutture e un minimo di investimento. La sede ha già spazi importanti, ma in questo modo si va a un raddoppio rispetto al precedente spazio a disposizione”.