Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, 22 nuovi punti vaccinazione per gli ultraottantenni: ma mancano ancora le dosi

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Ventidue nuovi punti vaccinazioni in Umbria, uno ogni 40 mila abitanti, ubicati nei distretti sanitari delle due Usl. E’ il progetto del nuovo piano vaccini per l’Umbria. Trentasei tra medici e infermieri in arrivo dalla struttura commissariale centrale, fa sapere il neo commissario regionale anti Covid (nominato mercoledì 27 gennaio: resta direttore sanitario Usl 1 e sarà commissario gratis) Massimo D’Angelo.


Serviranno almeno quattro unità di personale per punto: un medico, due infermieri e un amministrativo. Quindi 88 operatori. Almeno 88: in alcuni punti il numero degli infermieri è destinato a lievitare in base al bacino di utenti. La quota mancante dovrà essere coperta dalla Regione. Al momento ci sono 30 team vaccinali attivi, 17 stabili negli ospedali di Perugia e 13 itineranti. Altre équipe sono già in formazione. La Regione chiederà il coinvolgimento degli 800 medici di base per avviare le prenotazioni degli 89 mila ultraottantenni. Per i non autosufficienti scatterà il vaccino a domicilio. Quando partiranno? Quando arriveranno i nuovi vaccini in quantità sufficiente.

 

Le dosi questa settimana sono state tagliate di un terzo ma si conta nella compensazione nei giorni a venire. Il presidente dell’ordine dei farmacisti della provincia di Perugia, Filiberto Orlacchio, esprime preoccupazione per le scorte tagliate, visto che così slitta la programmazione per i vaccini angli stessi farmacisti. La presidente dell'Istituto Serafico, Francesca Di Maolo, chiede di inserire i disabili (“totalmente dimenticati”) tra le fasce prioritarie del piano. Intanto è stato approvato il piano di emergenza scuole. Con due cluster (più di un caso in almeno due classi) nello stesso istituto scattano i test antigenici rapidi in tutta la scuola, entro 24 ore. E’ scritto nel documento approvato  in giunta regionale. Con i tamponi a tempo zero nel caso di contagio in un classe tutti gli altri casi negativi non scatterà più l'isolamento, come avviene ora.