Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria Covid, gli studenti delle superiori tornano in presenza al 50%. Controlli alle fermate dei bus

Patrizia Antolini
  • a
  • a
  • a

A varcare i cancelli degli istituti superiori della regione lunedì 25 gennaio saranno ventimila studenti. La metà esatta del totale. In base all’ordinanza della governatrice Tesei il ritorno in presenza dopo tre mesi di didattica a distanza, prevede un’alternanza a scuola del 50%: una situazione che si protrarà, se non ci saranno ulteriori modifiche, fino al 13 febbraio prossimo. Il rinvio di due settimane del ritorno in classe ha permesso alla Regione di mettere in campo una serie di iniziative volte a contenere in tutti i modi i contagi. Contagi e cluster che, come ha ribadito espressamente il comitato tecnico scientifico, non derivano se non in minima percentuale dall’ambiente scolastico: 30 i casi registrati dall’infanzia alle medie, un solo caso alle superiori dove in presenza sono rimasti solo i laboratori. 
Ma soprattutto la Regione si è attivata sul nodo trasporti, contro il rischio di assembramenti degli studenti prima e dopo l’inizio delle lezioni e per evitare il più possibile contatti troppo ravvicinati alle fermate degli autobus, davanti ai maggiori istituti umbri e alle stazione ferroviarie. Sperando che i 98 autobus messi in campo con Busitalia siano sufficienti, il Comitato per la Sicurezza ha predisposto infatti controlli a tappetti in tutti i punti caldi, anche con l’ausilio dell’esercito che a Perugia sarà presente al terminal bus di piazza Partigiani. 
Ma non basta. Si è puntato anche sui test rapidi per creare un monitoraggio costante dei ragazzi con la ripartenza delle lezioni: in questo caso si tratta di test antigenici nasali rapidi che danno il risultato in 15 minuti. Assofarm Umbria, il sindacato delle farmacie pubbliche, ha dato la sua adesione nel supportare l'iniziativa che si spera preziosa. Al riguardo sono state istituite anche delle unità mobili in collaborazione con la Croce rossa nelle diverse città dell'Umbria (sul fronte delle farmacie pubbliche hanno aderito Terni, Foligno, Città di Castello, Spoleto, Umbertide, Bastia Umbra).