Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

In Umbria morte 647 persone nella seconda ondata del virus: più 755% rispetto ai primi mesi

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

Nella seconda ondata, il Covid, fino ad ora in Umbria ha ucciso quasi 8 volte più che nella prima fase. Nello specifico, fino al primo settembre scorso, l’Umbria aveva avuto 85 vittime, ieri invece erano 732. Il 755 % in più. Una potenza devastante che ha colpito duramente soprattutto gli anziani over 85. Secondo uno studio Istat nel mese di novembre l’Umbria ha avuto il 48,4 % di morti in più rispetto agli stessi mesi dei cinque anni precedenti. A ottobre l'aumento percentuale era stato del 9,1%. 
Dei 2.133 morti in Umbria in quel periodo, 339 sono stai per Covid. Nella prima ondata le percentuali erano state decisamente diverse: a luglio c’era stato anche un - 7,8% . Mentre un +8,5 % e un +1,5% si erano avuti anche a marzo e aprile. 
Negli ultimi giorni anche il Nucleo epidemiologico della Regione Umbria ha presentato uno studio che ha preso in esame la storia clinica dei positivi dal primo settembre. 
Secondo questi dati, il 57,1% delle persone ricoverate in terapia intensiva, non sono uscite vive. Mentre sono state il 26,7 % i morti nei reparti Covid degli ospedali umbri non ricoverati in terapia intensiva. Lo studio degli esperti del nucleo è stato fatto analizzando i casi di 26.414 persone. Di questi, il 7.2 % è stato ricoverato ( la maggioranza dei ricoveri si è avuta per gli over 85 con il 36,2% di degenti) Da questi controlli è anche emerso che sono state 105 le persone decedute per Covid fuori dalle corsie ospedaliere. Nella maggior parte dei casi si è trattato di decessi in rsa. Gli over 85 deceduti sono stati oltre il 25% (257 anziani), mentre le vittime tra i malati di età compresa tra 64 e 85 anni sono state l’8% (316 persone), lo 0,4% tra le persone di età compresa tra 44 e 65 anni (37 vittime) e 2 decessi per under44. Per quanto riguarda invece l’incidenza delle malattie croniche è emerso dei 26.414 casi analizzati, 3.431 erano affette da malattie croniche e di queste sono morte in 223, il 6,1%.  Sempre secondo lo studio presentato dagli esperti, la storia clinica dei pazienti Covid che sono deceduti ha avuto durata media di 16 giorni, mentre è stata di 18 per chi ce l’ha fatta.