Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto: sport a scuola senza la palestra, protestano i genitori dell'istituto comprensivo Orvieto-Montecchio

  • a
  • a
  • a

Delusi e risentiti per gli interventi annunciati nelle scuole, ma non ancora realizzati. È così che si sentono i genitori degli alunni dell'Istituto comprensivo Orvieto-Montecchio, in provincia di Terni. In particolare, i membri del consiglio d'istituto che in una lettera aperta indirizzata al sindaco di Orvieto, Roberta Tardani, all'assessore alla Scuola, Istruzione e Formazione, Angela Maria Sartini, e, per conoscenza, alla dirigente, Isabella Olimpieri, chiedono garanzie.

Era fine luglio 2020, infatti, quando il Comune di Orvieto annunciava l'intenzione di acquistare tensostrutture per recuperare gli spazi esterni delle scuole da destinare all’attività motoria, come nel caso della scuola primaria di Ciconia (nella foto), che, a seguito dei lavori di adeguamento, ha visto i locali della palestra trasformarsi in aule. Un adattamento strutturale necessario a garantire a tutti di poter seguire le lezioni in presenza, mantenendo il distanziamento sociale imposto dai vari provvedimenti presi dalle autorità governative.

La realizzazione di tali opere è andata a scapito anche di altri spazi quali laboratori e biblioteche che, di fatto, sono stati, ristrutturati e cambiati di destinazione d’uso per far posto a nuove aule. All’avvio dell’anno scolastico in corso, le indicazioni fornite dal Comune erano state accolte dai genitori con entusiasmo e fiducia, ma anche speranza e convinzione che l'ente potesse tenere conto delle esigenze e del trascorrere del tempo. “Il mancato acquisto o noleggio della tensostruttura per la scuola primaria di Ciconia – lamentano i membri del consiglio d'istituto – ha pregiudicato, non essendoci uno spazio adeguato a disposizione, lo svolgimento dell’attività motoria, irrealizzabile all’aperto nei mesi freddi e nelle giornate di avverse condizioni meteorologiche. Ed ha implicato il dover rimodulare i servizi di accoglienza, all’entrata e all’uscita, per coloro che usufruiscono del servizio scuolabus, per i quali attualmente e fortunatamente si è riusciti, grazie alla protezione civile, ad allestire un gazebo coperto”.

Le richieste che docenti, genitori e personale Ata, eletti quali rappresentati delle diverse componenti dell’istituto sottopongono nuovamente al Comune non finiscono qui. Alla scuola primaria di Orvieto Scalo, infatti, sebbene sia stato effettuato il sopralluogo, utile al ripristino dell’uso della palestra attualmente impiegata come aula, non si registra ad oggi alcun avvio dei lavori. Altro nodo, infine, quello dei bagni degli alunni e delle insegnanti della scuola dell’infanzia di Ciconia, che da tempo necessitano di ristrutturazione.