Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, Tesei firma l'ordinanza: "Scuole superiori riaperte al 50% da lunedì 25 gennaio"

Esplora:

Ale. Ant.
  • a
  • a
  • a

Da lunedì 25 gennaio il 50% degli studenti delle scuole superiori umbre tornerà a lezione in presenza. Per la restante metà le lezioni si svolgeranno in dad. È quanto prevede l’ordinanza firmata dalla presidente della Regione Umbria, Donatella TeseiSono 20 mila i ragazzi che tornano il classe. Busitalia attiverà 98 bus in più giornalieri.   Le disposizioni si applicano anche "agli studenti iscritti per l’anno formativo 2020/2021 ai corsi di istruzione e formazione professionale presso le agenzie formative e gli Istituti Professionali Statali in regime di sussidiarietà. Nello stesso periodo le attività in presenza degli organismi e soggetti privati, diversi dalle scuole paritarie e non paritarie, che svolgono corsi nelle materie presenti negli ordinamenti scolastici di competenza del Ministero della Pubblica Istruzione sono consentite in presenza per numero massimo del 50% dei partecipanti ad ogni singolo corso e nel rigoroso rispetto delle norme di prevenzione e del distanziamento interpersonale", è scritto nell'atto. L'ordinanza è arrivata dopo l'ok del Cts regionale, che ha fornito un'unica prescrizione: in presenza di un aumento importante dei contagi, da monitorare settimanalmente, si richiude. Nell'ordinanza ci sono anche divieti e prescrizioni per associazioni, sport e commercio. I divieti. Rimangono sospese fino al 13 febbraio 2021 "tutte le attività realizzate in presenza in spazi aperti o in luoghi chiusi da associazioni e circoli ricreativi e culturali, centri di aggregazione sociale, università del tempo libero e della terza età. Sono vietati per il medesimo periodo i giochi da tavolo, delle carte, biliardo, bocce effettuati nei centri e circoli sportivi pubblici e privati". È invece consentito, ai sensi all’articolo 1 comma 10 lettera c) del Dpcm 14 gennaio 2021, l’accesso di bambini e ragazzi al luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative anche non formali, al chiuso o all’aria aperta con l’ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle linee guida. Sono inoltre consentite le attività affidate e regolate da formali atti amministrativi adottati da aziende sanitarie, enti pubblici, zone sociali, fondazioni, aziende di servizi alla persona, altri soggetti pubblici, afferenti alla sfera dei servizi socio sanitari, della protezione civile, dei servizi alla persona, dei servizi scolastici-educativi. È, infine, consentita la realizzazione di attività corsistiche in presenza, esclusivamente in forma individuale, relativamente a titolo esemplificativo e non esaustivo gli ambiti delle arti musicali, figurative, teatrali, danza, nonché le attività inerenti le lingue straniere nel rigoroso rispetto delle norme di prevenzione e del distanziamento interpersonale. Sport. Per quanto riguarda lo sport fino al 13 febbraio sono sospese anche tutte le attività di gare e competizioni riconosciute di interesse regionale, provinciale o locale dal Coni e dal Cip in relazione agli sport di squadra e di contatto e svolti dalle associazioni e società dilettantistiche. È sospeso per il medesimo periodo, limitatamente agli atleti di età inferiore ai 18 anni che militano nelle società e nelle associazioni dilettantistiche e amatoriali degli sport di squadra e di contatto, lo svolgimento degli allenamenti e preparazione atletica anche in forma individuale. È altresì precluso per tutti l’uso delle parti comuni nonché degli spogliatoi. Per il commercio "si ricorda il rispetto delle regole di accesso, distanziamento, pulizia e igiene presenti anche nell’allegato dell’ordinanza".