Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, impiegato pubblico arrestato per pedopornografia: indagine su una rete internazionale

Ale. Ant.
  • a
  • a
  • a

Ha scaricato immagini pedopornografiche da server in Usa e Irlanda. In tutto gli investigatori, che indagano su una rete on line internazionale, ne hanno trovate 40 mila, tutte sul pc di casa, attinte attraverso il wi fi della madre. Il 53enne impiegato pubblico perugino, prima arrestato e poi finito ai domiciliari - dopo l’interrogatorio di convalida - è indagato per detenzione di materiale pedopornografico attinto da una rete internazionale. Al giudice ha detto che non sa da quanto tempo ha fatto i downloand, spiegando che però non serve troppo tempo per scaricate tutti quei giga. Dopo la segnalazione di un organismo di cooperazioone, è intervenuta la polizia postale di Perugia. Dopo il blitz in casa, gli sono stati sequestrati pc, telefonino e tablet. Sopralluogo anche in ufficio, anche se al momento non ci sono riscontri su accessi fatti dall’ente pubblico. “Il nostro assistito - ha detto l’avvocato Michele Morena, che lo difende insieme ad Emanuele Bernardini - ha subito collaborato, fornendo le password agli uomini della postale. Anche per questo gli sono stati concessi i domiciliari”. Ora si trova a casa, senza device né connessione internet: sono questi i divieti disposti dal giudice per le indagini preliminari dopo l’interrogatorio di convalida degli arresti.