Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid Umbria, accordo per 1.550 assunzioni nella sanità entro il 2021. Mancano medici, infermieri e Oss

  • a
  • a
  • a

Rinforzi per la sanità umbra. Per il 2021 arriveranno 1.550 assunzioni a tempo indeterminato tra medici, infermieri e Oss. Lo annunciano Regione e sindacati di categoria. In particolare 443 unità saranno destinate al Covid, 1.107 al resto. La quadra è stata trovata in un incontro che si è tenuto ieri in Regione tra la presidente, Donatella Tesei, l'assessore alla sanità, Luca Coletto, il direttore generale, Claudio Dario e i segretari di i Fp Cgil, Fp Cisl e Uil Fpl dell'Umbria, Tatiana Cazzaniga, Luca Talevi e Marco Cotone. “Alla fine - dicono i sindacati - dopo una lunga mobilitazione, le assunzioni per la sanità umbra sono arrivate. Finalmente la sanità umbra colmerà le carenze di personale che l'hanno messa in seria difficoltà e lo farà con contratti stabili, gli unici capaci di dare solidità al sistema e una giusta tutela alle lavoratrici e ai lavoratori”. Già dalla prossima settimana un tavolo tecnico comincerà a lavorare sulla definizione dei profili e anche sulla semplificazione delle procedure concorsuali. La Regione in una nota specifica che “nel 2020 sono state assunte a tempo indeterminato 1032 persone di cui 432 stabilizzati (ex accordo 16 marzo 202), 42 (Legge 350/2003) e 558 per reclutamenti ordinari. Assunzioni a tempo indeterminato che, al netto delle uscite di personale, hanno visto un incremento di 272 unità, al quale va sottratto il decremento del personale a tempo determinato (-249) per una variazione positiva di personale, tra determinato e indeterminato, di 23 unità”.