Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Coop raccoglie oltre un milione e mezzo per combattere il virus con gli anticorpi monoclonali

  • a
  • a
  • a

In quaranta giorni sono state raccolte 151 mila donazioni per oltre un milione e mezzo di euro. Insieme per battere il Covid: i soldi serviranno per un nuovo laboratorio Coop all’interno di Toscana Life Sciences, guidato da Rino Rappuoli, che studierà come anticipare e neutralizzare in tempi rapidissimi le prossime mutazioni del virus. I risultati della campagna di crowdfunding “Sosteniamo la ricerca oggi per tornare più vicini domani” sono stati presentati ieri mattina dagli stessi promotori dell’iniziativa - Coop Centro Italia, Superconti, Unicoop Firenze, Coop Alleanza 3.0, Unicoop Tirreno, Coop Unione Amiatina e Coop Reno - che hanno evidenziato la forte partecipazione non solo di soci e clienti ma anche di amministratori e personaggi del mondo dello spettacolo. Molti cittadini hanno fatto piccole donazioni ma ci sono state anche partecipazioni cospicue, persino alle casse dei supermercati. E’ stato lo stesso professor Rappuoli a spiegare l’importanza di questa ricerca per combattere il Covid. Nato nel 2018 per studiare possibili soluzioni al fenomeno dell’antibiotico resistenza, il Mad Lab da marzo scorso ha subito indirizzato le proprie competenze nell’individuazione di anticorpi monoclonali umani capaci di curare il Covid-19. Ad oggi la previsione è di poter contare su una terapia specifica entro la primavera 2021, presumibilmente tra marzo e aprile. Grazie alla solidarietà, verrà anche costituito un team di Data Science per l’applicazione di competenze informatiche e nuove tecnologie al servizio della ricerca scientifica, che permetterà un più rapido passaggio dalle scoperte scientifiche all’utilizzo pratico dei nuovi trattamenti medici, e si realizzeranno un’area di stoccaggio freddo e un laboratorio per la gestione di patogeni, come il Coronavirus, in un ambiente di massima sicurezza. Non solo. “Sempre grazie al progetto di crowdfunding di Coop - ha aggiunto il presidente di Fondazione Toscana Life Sciences, Fabrizio Landi - siamo in grado di finanziare anche due nuove borse di dottorato, della durata pluriennale, per continuare a investire nei giovani talenti e per dimostrare quanto crediamo nel valore della scienza e nella collaborazione con il sistema universitario”. Antonio Bomarsi, presidente del gruppo Coop Centro Italia, ha voluto ringraziare tutti i soci ma anche i consumatori, i lavoratori, i fornitori e le istituzioni che hanno risposto con tanta partecipazione alla campagna a sostegno della ricerca scientifica. “Iniziative come questa - ha detto - dimostrano che il nostro compito non è solo quello di distribuire prodotti buoni e sicuri al miglior prezzo possibile ma anche svolgere un ruolo di coesione sociale, soprattutto in frangenti difficili come quelli che stiamo attraversando, per costruire il benessere collettivo della comunità in modo coerente con la nostra storia e i nostri valori”. E tra il Mad Lab di Toscana Life Sciences e Coop potrebbe nascere una forma di collaborazione permanente a tutela della salute dei cittadini-consumatori.