Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, otto giovani creano lo sportello del cittadino a San Sisto

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Periferie in degrado. Criticità che appartengono a Perugia, come a tante altre realtà della regione e del Paese, rese ancora più gravi dalla pandemia, colpevole di aver creato e dilatato le distanze. La tecnologia risponde ma non è alla portata di tutti, ancora meno delle persone più deboli. A questo, dunque, ha pensato Assoutenti umbra nel dare vita al progetto Sportello del cittadino nel quartiere di San Sisto. L’idea è partita da otto giovani, ragazzi e ragazze, che hanno deciso di mettersi a disposizione del quartiere sia con i mezzi di comunicazione che fisicamente nella sede di via Antimo Liberati al civico 15 per creare un collante fra cittadini e istituzioni e trovare insieme soluzioni ai problemi quotidiani. A raccontare il progetto, che partirà da martedì 19, è Enzo Gaudiosi, presidente regionale di Assoutenti: “La nostra associazione ha iniziato un percorso di intervento nelle periferie già da tempo, siamo presenti da Ponte d’Oddi alla Cortonese e a San Sisto dove abbiamo iniziato a operare alla riqualificazione delle aree verdi più degradate, dello Zodiaco e Quattro stagioni”. Così è nato da Assoutenti il gruppo Nessuno escluso che, dopo aver vinto nel maggio scorso il bando comunale, opera già al recupero dei parchi. “Un’attività - precisa Gaudiosi - che intendiamo portare avanti sia a livello ambientale ma anche sociale creando iniziative che coinvolgano il quartiere, le scuole, gli anziani. E per prima cosa cercando di eliminare le criticità più pericolose”. Un esempio? “Mancavano addirittura le griglie di scolo lungo i vialetti - racconta Gaudiosi -. Una necessità che doveva essere colmata al più presto prima che qualcuno si facesse male. E questo abbiamo fatto attivando una raccolta fondi”.

Dalle aree verdi allo Sportello per il cittadino. “La struttura - spiega Gaudiosi - sarà aperta al pubblico due giorni a settimana e a fianco dei volontari, che opereranno sul campo per raccogliere segnalazioni, trovare soluzioni ai problemi e creare eventi, ci saranno anche degli esperti nel settore legale, medico e dell’assistenza psicologica pronti a intervenire qualora ci fosse bisogno”.

Assoutenti ha anche stretto una rete di collaborazioni con le associazioni del quartiere. “Insomma, cercheremo di operare insieme”, rilancia Gaudiosi.

E conclude: “Possiamo parlare anche di un progetto sperimentale che intendiamo esportare sia in altri quartiere della città dove siamo presenti che in altre realtà dell’Umbria a iniziare da Foligno e Massa Martana”.

Intanto prendere nota: lo sportello di Assoutenti a San Sisto sarà attivo nei giorni di martedì (dalle 11 alle 12,30) e venerdì (dalle 15 alle 16,30) in via Liberati 15 (info: 075 9114774 - 338 168 6141) .