Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, rischio idrogeologico alto. Previsti altri rovesci per il week-end: si valuta l'allerta arancione

  • a
  • a
  • a

Per l’Umbria, già negli ultimi giorni flagellata dal maltempo, non si prospetta, purtroppo, nulla di buono. Per i prossimi due giorni infatti il Centro funzionale di Protezione Civile della Regione prevede un ulteriore peggioramento delle condizioni meteo. A preoccupare, visto quanto accaduto anche ieri e in precedenza, con frane e smottamenti, è il rischio idrogeologico. Lo spiega l’ingegner Nicola Berni, del centro polifunzionale di protezione civile: “ Per sabato e domenica sono attese nuove precipitazioni e anche un rialzo della temperatura che causerà lo scioglimento della neve già caduta nei giorni scorsi. Questi due fattori, in un territorio come il nostro, possono causare diversi problemi con frane e smottamenti. Oggi si deciderà se emettere un’allerta arancione e nel caso il Centro polifunzionale resterà aperto 24 ore su 24, come avviene in questi casi. L’allerta non può essere emessa prima, non si possono anticipare i tempi”. 
E, proprio per la situazione di ieri e dei giorni scorsi, la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, ha manifestato l’intenzione di effettuare una ricognizione dei danni per poi attivarsi presso il Governo per chiedere un sostegno economico. Lo spiega l’assessore, Enrico Melasecche in una nota inviata ieri pomeriggio: “La presidente - dice - si attiverà con il governo nazionale, per ottenere i finanziamenti necessari a sanare i danni che sono stati accertati. Voglio dunque assicurare ai sindaci di Terni e Spoleto, che mi hanno espresso la loro preoccupazione per quanto avvenuto, la massima attenzione da parte della Regione Umbria, per quanto di sua competenza”. Sono giorni che il cuore verde è nella morsa del maltempo. Piogge e temporale vanno avanti ormai senza soluzione di continuità da Natale. L’unica tregua c’è stata a Capodanno solo in alcune zone.  Negli ultimi giorni la neve in Valnerina ha bloccato migliaia di famiglie intrappolandole nelle loro abitazioni senza corrente elettrica. Solo ieri la situazione è stata del tutto ristabilita, ma a Monteleone di Spoleto è stata decisa la chiusura delle scuole perché irraggiungibili a causa delle strade bloccate. Ieri  il ghiaccio  ha provocato diversi incidenti stradali, come il Tir che si è ribaltata lungo la strada che da Acquasparta porta a Spoleto.