Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, nuova polemica tra FdI e Lega: maggioranza divisa sulla sanità

Esplora:

Ale. Ant.
  • a
  • a
  • a

Riesplode la polemica tra Fdi e Lega sulla sanità. Solito canovaccio: i Fratelli punzecchiano e il Carroccio risponde. Era già accaduto in tema di disabili. Stavolta parliamo di medici e infermieri, in piena pandemia. La maggioranza a Palazzo Cesaroni torna a litigare. "In questo 2021 vengano affrontati i veri problemi della sanità e le tante questioni ereditate dalla passata amministrazione. Per un servizio più efficiente è opportuno un cambio di passo, anche attraverso un incremento del personale medico e infermieristico che nell’immediato si rende necessario per fronteggiare l’emergenza Covid". E’ quanto si legge in una nota dei consiglieri regionali Eleonora Pace e Marco Squarta di Fratelli d’Italia i quali, sulla linea intrapresa dalla giunta Tesei, in seguito all’avvenuta nomina dei direttori generali auspicano una "riorganizzazione generale del settore in maniera tale da raggiungere un modello di efficienza sempre maggiore". La ricetta di Pace e Squarta comprende "una ricerca costante di qualità nelle prestazioni, una forte presenza nei territori, una forte integrazione delle prestazioni e il superamento contestuale di pigrizie e rendite di posizione. Fratelli d’Italia sarà presente e propositiva a tutti i livelli nei passaggi rappresentati dal Piano sanitario regionale, dalla stipula di convenzioni con l’Università, fino alla riorganizzazione dei servizi territoriali".

Pronta la replica della Lega, in una nota: "Accogliamo con piacere la notizia che anche i consiglieri regionali di Fratelli d'Italia saranno presenti e propositivi nell’implementazione del piano Sanitario regionale, ma nel farlo dimenticano che in giunta l’assessore Coletto sta lavorando alacremente da mesi su un Piano che è frutto della concertazione della presidente della giunta Regionale anche con altri soggetti fra cui l'Università degli Studi di Perugia. Pur comprendendo le  ragioni politiche dei colleghi di maggioranza, ci chiediamo quali proposte e ricette infallibili abbiano sin ora offerto alla presidente Tesei e all’assessore Coletto che da mesi, insieme a tutta la Giunta, stanno affrontando un’emergenza straordinaria e nel contempo programmando il futuro di una sanità più volte in passato millantata come efficace ed efficiente ma invece imperniata unicamente sull’impegno, la professionalità e la grande volontà dei professionisti sanitari lasciati soli e sotto organico dalle precedenti amministrazioni di sinistra. In un momento difficile come questo a causa della pandemia, sarebbe opportuno che tutte le forze di maggioranza collaborassero al fine unico di garantire quel cambio di passo, prima politico e poi operativo, facile da sbandierare nei comunicati stampa ma più complicato da attuare quando occorre mettere sul piatto proposte concrete, misurabili e fattibili in tempo di pandemia".

Questo la Lega sta facendo sin dalla prima ora nella sua azione di sostegno all'assessore Coletto, alla presidente Tesei e alla Giunta.

Questo auspichiamo facciano tutti i componenti della maggioranza e non solo nei comunicati stampa di inizio anno".