Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Suarez, Riesame conferma la sospensione di Olivieri. Il cda Stranieri rinvia il sostituto

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Resta sospeso per otto mesi il dg dell’Università per Stranieri, Simone Olivieri, indagato nel caso dell’esame farsa di Luis Suarez.
Il tribunale del Riesame ha respinto il ricorso contro la misura cautelare presentato dall’avvocato di Olivieri, Francesco Falcinelli. 
I pm Paolo Abbritti e Gianpaolo Mocetti per Olivieri, la rettrice Giuliana Grego Bolli e la docente Stefania Spina avevano chiesto i domiciliari, poi trasformati in otto mesi di sospensione dal gip. Per i magistrati la posizione di Olivieri gli consentiva “di influire significativamente su tutto quanto avviene nell’ateneo, potendo in astratto avere accesso a qualsiasi documentazione necessaria all’accertamento dei fatti”. Insomma poteva distruggere le prove. Non solo. Per Olivieri e Grego Bolli va “limitata la possibilità di comunicare con i loro sottoposti e comunque con le altre persone informate sui fatti che potrebbero sentirne l’influenza, onde evitare che possa essere condizionata la genuinità delle loro deposizioni”. Il consiglio d’amministrazione dell’Università per Stranieri lo stesso giorno doveva discutere proprio dell’incarico di direttore generale rimasto vacante. Ma ha deciso di rinviare al 12 gennaio. Così come ha rinviato l’atto sui procedimenti disciplinari interni. Quindi dal 31 dicembre, data in cui è scaduto Francesco Lampone, indicato come dg ad interim dopo la sospensione di Olivieri, l’Unistra di Perugia è senza redini amministrativi. Lampone resta per l’ordinaria amministrazione, almeno fino al 12 gennaio, quando ci sarà l’esito di un bando ad hoc per il sostituto. Ieri era atteso anche il parere dell’avvocatura dello Stato che però, stando a quanto emerso, non è stato ancora redatto. Mancando la rettrice, Giuliana Grego Bolli - si è dimessa perché anche lei indagata nell’ambito dell’inchiesta Suarez - il cda è stato officiato dalla pro rettrice Daniella Gambini. 
Sul rinvio delle azioni disciplinari non sono mancate due astensioni.