Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, sicurezza: soltanto i Comuni di Panicale e Bastia Umbra ottengono i finanziamenti del Ministero per la videosorveglianza

  • a
  • a
  • a

Sono soltanto due i Comuni dell’Umbria ammessi a finanziamento per progetti di videosorveglianza per la sicurezza urbana, Panicale e Bastia Umbra. La graduatoria è stata pubblicata nel sito del ministero dell’Interno. Sono 2.265 i Comuni presenti, 39 di questi sono umbri. Panicale potrà contare su risorse complessive pari a 90.000 euro che, come ha annunciato il sindaco Giulio Cherubini, saranno impiegate per portare a compimento il sistema integrato di controllo, per il monitoraggio del territorio e a supporto delle azioni delle forze dell’ordine. Sistema che a detta del primo cittadino è molto apprezzato dalle stesse forze dell’ordine con cui l’Amministrazione comunale collabora, e che sta già dando i suoi frutti. Ammesso a finanziamento anche il Comune di Bastia Umbra il cui indice di incidenza della criminalità viene annoverato comne “elevatissimo”. “Con questo progetto di investimento complessivo di 102 mila euro co-finanziato al 50 per cento tra ministero dell’Interno e bilancio comunale saranno istallate tredici postazioni di ripresa, tre telecamere lettura targhe, due telecamere stand alone e in più sarà attivato il collegamento con il commissariato e la Compagnia dei carabinieri di Assisi -ha commentato l'assessore alla sicurezza urbana, Valeria Morettini - Un ringraziamento alla comandante della polizia municipale, Carla Menghella per l'assistenza e per il lavoro svolto. La sicurezza urbana è uno degli obiettivi forti del nostro mandato e lo stiamo dimostrando con concretezza”. Non sono stati al momento ammessi al finanziamento gli altri Comuni dell’Umbria.