Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto, Opera del Duomo: Andrea Taddei nominato nuovo presidente

La scelta del consiglio di amministrazione è caduta sull'ingegnere elettronico, 52 anni, già capogruppo Pd in Comune nella precedente consiliatura

Davide Pompei
  • a
  • a
  • a

È l'ingegnere elettronico Andrea Taddei il nuovo presidente dell'Opera del Duomo di Orvieto, in provincia di Terni.

La nomina è avvenuta la sera di mercoledì 30 dicembre 2020 in occasione della riunione del nuovo consiglio d'amministrazione, rinnovato il 21 dicembre 2020. In quella data, infatti, era stato trasmesso alla Fabbriceria il decreto di nomina del ministro dell’Interno relativo ai membri di nomina ministeriale. Si tratta della dottoressa Giovanna Bandinu, della dottoressa Arianna Lazzeri, dell'avvocato Nicola Pepe, del dottor Massimo Zanetti e, appunto, dell'ingegnere Taddei. I membri di nomina vescovile, secondo il decreto ministeriale del 1° agosto sono, invece, il professor Giuseppe Maria Della Fina e don Francesco Valentini.

L’elezione sarà ora comunicata al ministero dell’Interno ai fini dell'emanazione del relativo decreto di nomina. Il neo-presidente eletto, dopo aver ringraziato tutti i consiglieri, ha espresso la propria gratitudine per la fiducia concessagli, augurando a tutti buon lavoro. Cinquantadue anni, già capogruppo Pd in Comune nella precedente consiliatura, Taddei nel 2014 era stato anche tra i candidati a sindaco della città. Subentra al prefetto Gianfelice Bellesini nella guida dell'ente autonomo che, da statuto, ha il compito di provvedere alla manutenzione e alla conservazione della cattedrale e all'amministrazione dei suoi beni.

L'Opera del Duomo è, infatti, il risultato di un percorso storico complesso e graduale, che si concretizza nel passaggio da una semplice e fluida organizzazione di cantiere ad un preciso organismo dotato di personalità giuridica. Auguri di buon lavoro sono giunti da monsignor Gualtiero Sigismondi, vescovo della diocesi di Orvieto-Todi.