Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, conferenza stampa di fine anno del sindaco Latini e della giunta comunale

Tradizionale bilancio al termine di un 2020 condizionato fortemente dalla pandemia, nel quale si è riusciti comunque a portare avanti molti progetti avviati, come il PalaTerni e le gare per Teatro Verdi e parco Cardeto

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

“Che Terni diventi una città bella, verde, attrattiva, con un livello di servizi elevato”. E’ questa la Terni sulla quale sta lavorando la giunta comunale del sindaco Leonardo Latini che, mercoledì 30 dicembre 2020, ha tenuto la tradizionale conferenza stampa di fine anno.

Un anno, quello che se ne sta andando – ha fatto presente Latini – contraddistinto dalla grave emergenza Covid, che ha naturalmente stravolto o comunque modificato le dinamiche dell’attività amministrativa che, malgrado questo, ha comunque portato avanti i tanti progetti in cantiere. Ad iniziare dal PalaTerni, la cui posa della prima pietra è ormai prossima, così come è stato concluso il bando internazionale di idee per la ristrutturazione del Teatro Verdi ed è stata assegnata la gara per il parco di Cardeto, i cui lavori sono fermi ormai da anni. Per il nuovo palazzetto dello sport – ha fatto presente l’assessore ai lavori pubblici, Benedetta Salvati – la previsione è che l’inaugurazione possa avvenire all’inizio dell’estate 2022.

Risultati super anche nel settore turistico, in particolare per la cascata delle Marmore, con numeri da record malgrado la pandemia. A questo riguardo il vice sindaco e assessore alla cultura, Andrea Giuli, ha ricordato come il portale turistico Volagratis abbia indicato Terni come la prima meta turistica emergente in Italia.

La città dell’acciaio, al primo posto, punta a una crescita che coniughi i temi dello sviluppo con quelli dell’ambiente. Al riguardo il sindaco Latini ha ricordato la rete di piste ciclabili in corso di completamento, che vuole collegare il territorio anche alle zone confinanti, come ad esempio il parco delle gole del Nera, ma anche il protocollo di intesa con Ast e Busitalia per il trasporto locale ad idrogeno.