Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, a Rasiglia senza il presepe vivente persi 10 mila visitatori

  • a
  • a
  • a

Diecimila presenze in meno per l’impossibilità di svolgere il rinomato presepe vivente. E’ il “colpo” subito dal borgo di Rasiglia, nel Comune di Foligno, a causa dell’epidemia di Covid, che ha impedito lo svolgimento di uno degli appuntamenti più attesi e rinomati dell’Umbria, in programma solitamente il 26 dicembre e il 6 gennaio. Eppure i rasigliani non si sono arresi e hanno pensato al futuro ripulendo e abbellendo le rive del fiume Menotre. La forza d'animo degli abitanti della piccola “Venezia dell’Umbria” non è quindi venuta meno. 

Servizio integrale sul Corriere dell'Umbria del 30 dicembre a cura di Susanna Minelli