Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il cardinale Bassetti, lo scherzo del Papa dopo il Covid e l'appello ai politici: "Discutete meno e pensate al Paese" | Video

  • a
  • a
  • a

"Ma tu lo sai perché sei vivo e stai bene? Perché per te non c'era posto all'inferno". E questa la frase scherzosa che Papa Francesco ha rivolto al cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia e presidente dei vescovi italiani, quando la sua vita non era più in pericolo per il Covid. Il Pontefice, che fino a quel momento si era ripetutamente informato sulle condizioni di salute attraverso suoi collaboratori, quando Bassetti è uscito dalla terapia intensiva, ha potuto parlare direttamente con lui.

Lo ha raccontato lo stesso cardinale la sera della vigilia di Natale durante A sua immagine, il programma di Rai 1 andato in onda subito dopo la messa del Papa. Alla conduttrice Lorena Bianchetti, giunta a Perugia proprio per intervistarlo, Bassetti sorridendo ha svelato anche come rispose a Bergoglio: "Santo Padre poco mi importa che ci sia posto all'inferno, mi basterà che un giorno ci sia un angolino o in purgatorio o in paradiso. E abbiamo fatto una bella risata". Bassetti ha raccontato il suo periodo di sofferenza a causa del Covid che in alcuni momenti "mi ha anche tolto la lucidità, anche se ero sempre presente interiormente a me stesso". Drammatici i dieci giorni della terapia intensiva, quando ha dovuto indossare il casco per l'ossigeno, avendo la sensazione di non poter respirare più: "Sono arrivato al punto di raccomandare la mia anima al Signore". Ma Bassetti ha svelato anche di non aver avuto paura: "Sa perché? Avevo la coscienza, come ho sempre insegnato a utti come prete, che i peccati di fragilità il Signore li perdona".

Il cardinale ha voluto ringraziare i medici e tutti gli operatori sanitari. Ha poi invitato i cittadini ad alzare la guardia: "Usiamo tutte le precauzioni che ci vengono richieste, dalla mascherina al resto, perché così salviamo la nostra vita e quella degli altri". Ma molto forte è stato anche il richiamo ai politici che devono discutere meno tra loro e iniziare a pensare a quelli che sono i problemi reali del Paese, a cui "anche noi come Chiesa vogliamo dare un primato. Ci sono di mezzo le famiglie, tessuto connettivo della nostra società. Ma anche il lavoro che va scomparendo e i ragazzi che con il tira e molla della scuola sono in crisi". Bassetti ha concluso con i suoi auguri agli italiani: "Non sia un buon Natale, ma un Natale buono". Clicca qui per rivedere l'intervista al cardinale Gualtiero Bassetti.