Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, approvato il progetto del nuovo ponte sul Tevere. Renderà Ponte San Giovanni più vivibile

sabrina busirivici
  • a
  • a
  • a

A Perugia approvato in giunta il pacchetto di azioni strategiche per la riqualificazione del quartiere di Ponte San Giovanni. “Un primo documento di proposte - puntualizza l’assessore Margherita Scoccia - per evidenziare obiettivi e criticità al fine di procedere con un progetto volto a rendere Ponte San Giovanni più vivibile e più green. Insomma dove la qualità della vita è migliore”.

Azioni strategiche, dunque, finalizzate all’elaborazione di un progetto che sarà consegnato in primavera per concorrere al bando emanato dal ministero dei Trasporti finalizzato alla qualità dell’abitare (853 milioni su tutto il territorio nazionale). “Un piano che vede il Comune in prima linea insieme a Università degli studi, Soprintendenza archeologica, Ater e ad altri soggetti ancora”.

Prima della stesura l’assessore Margherita Scoccia fa presente che sarà necessaria una fase partecipativa con la cittadinanza: una serie di incontri a partire da gennaio allo scopo di raccogliere input da chi il quartiere lo vive quotidianamente. “A breve sarà stilata una calendarizzazione”, annuncia.

Tra le priorità da mettere sul tavolo: la riconversione di aree abbandonate “sulle quali stiamo cercando di trovare soluzioni”, fa ancora presente Scoccia. Tra gli obiettivi del piano sul fronte insediativo residenziale troviamo la realizzazione del nuovo centro civico. Per parlare poi della riqualificazione e ristrutturazione degli edifici dello scalo ferroviario al recupero dell’area dell’ex fornaci Briziarelli. E ancora, si pensa di intervenire sugli spazi dell’ex Lido Tevere, su piazza del Mercato, sugli ex comparti Enel, Margaritelli e De Megni per arrivare anche a riqualificare l’area dell’Ipogeo dei Volumni.

Sempre nel documento appena approvato si evidenzia anche una serie di interventi diretti a migliorare la mobilità e le infrastrutture. In questo caso si sta parlando dell’ipotesi di operare sul tracciato del “Nodo di Perugia” per il tratto Collestrada-Madonna del Piano; la realizzazione di ponte sul Tevere che colleghi via Benucci e via Ferriera; la realizzazione della variante stradale di raccordo tra la strada di Montevile e via Ponte Vecchio in sostituzione dell’attuale tracciato lungo via della Spiga. E poi percorsi pedonali, ciclopedonali. Uno su tutti: la realizzazione, prevista dal piano regolatore, lungo la sponda destra del fiume Tevere tra Ponte San Giovanni e Madonna del Piano