Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, finanziere arrestato per corruzione: c'è anche un secondo collega indagato

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

C’è un verbale di persona informata sui fatti che, secondo la Procura di Perugia, sarebbe stato “aggiustato”,  falsificato. E’ per questo motivo che, oltre a Savino Strippoli, l’ispettore  del Nucleo di Polizia economico- finanziaria, delle fiamme gialle  di Perugia, anche un secondo finanziere - seppur con contestazioni marginali - è indagato per falso in atto pubblico. Era presente e ha redatto quello che per gli inquirenti era un verbale volto a  sviare indagini su presunte false fatture riconducibili ad altri due imprenditori finiti ai domiciliari: Alvano Bacchi, il 49enne che rilevò le Fonderie Piccini  e Giovanni Sandomenico, un suo uomo di fiducia.
L’inchiesta che la guardia di finanza di Perugia, guidata dal colonnello Danilo Massimo Cardone ha avviato di iniziativa contro uno dei loro, adesso finito dentro per corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio, falso, accesso abusivo ai sistemi informatici, collusione in frode alla finanza ha svelato un comportamento reiterato da parte dello stesso finanziere. Secondo quanto il procuratore capo, Raffaele Cantone e l’Aggiunto, Giuseppe Petrazzini gli contestano, Strippoli infatti, in cambio di forniture di generi alimentari avrebbe rivelato delle notizie riservate grazie alla sua possibilità di accedere ai sistemi interni relative ad accertamenti di natura fiscale in capo all’altro imprenditore, a cui viene contestata la seconda accusa di corruzione. Questo secondo filone di indagine, emerso grazie alle intercettazioni, fatte anche con l’uso del trojan, è ancora in corso di approfondimento
Ma per il gip Lidia Brutti, Strippoli, Bacchi e Sandomenico - i due imprenditori che, secondo l’accusa, avrebbero pagato al finanziere almeno una parte dei lavori nella piscina di casa sua  - se lasciati liberi, sarebbero stati in grado di inquinare il quadro probatorio e rendere difficile il prosieguo delle indagini. Al momento gli indagati sono sei, ma non è escluso che l’inchiesta si allarghi.