Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, trans prende a pugni cliente per 50 euro: viene accusato di rapina ma per il giudice è solo minaccia

Esplora:
La vicenda è finita in tribunale a Perugia

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Un trans di Perugia è stato accusato di rapina dopo il rapporto sessuale, perché il cliente non voleva pagare. Calci e pugni fino a prendere 50 euro. L’uomo invece ha raccontato di non avere avuto rapporti e di essere stato rapinato mentre era in macchina. Ieri in udienza per giudizio immediato il reato è stato derubricato in minacce gravi. Al trans brasiliano, classe 1985, è stata comminata una pena che consiste in due giorni di carcere e un mese di obbligo di dimora. Il racconto dell’uomo, 59enne perugino, non ha convinto del tutto il giudice. I fatti sono avvenuti alle 4 di notte, nel parcheggio di un’area di servizio in cui solitamente alcuni trans si appartano con i clienti. 
In base al capo di imputazione originale, il brasiliano è entrato nell’auto del perugino intimandogli di consegnare tutti i soldi che aveva, altrimenti avrebbe buttato via le chiavi. Poi un pugno su una spalla e un calcio alla caviglia. E la minaccia di estrarre un coltello. Dopo che gli ha strappato di mano 50 euro, all’arrivo della polizia, ha tentato nuovamente di aggredire il 59 enne, ma è stato bloccato dagli agenti.