Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, dopo gli assembramenti in centro storico il Comune valuta l'ingresso all'acropoli a singhiozzo

Fra.Mar.
  • a
  • a
  • a

Dopo il “pienone” in centro storico nel week-end appena trascorso, e la paura per gli assembramenti e tutto quel che che potrebbero comportare in questo periodo, il Comune di Perugia corre ai ripari. Il primo provvedimento è la revoca, almeno per ora, dell’annunciato sconto sulle strisce blu. Gente ce n’è già troppa così. L’assessore, Luca Merli spiega: “L’iniziativa è stata revocata ora per evitare ulteriori assembramenti, però dato che è stata deliberata la adotteremo quando servirà, magari per i saldi, o a Pasqua”.
Il secondo provvedimento, che nei prossimi giorni verrà limato e reso operativo in tempo per sabato riguarda l’accesso all’acropoli: dopo le file e le multe si procederà con un’entrata a singhiozzo. Una pattuglia della polizia locale fissa in piazza Partigiani in contatto con agenti in centro che diranno se è il caso o meno di continuare a far salire altre automobili. 
“Dobbiamo partire dal presupposto che non possiamo essere noi a vietare una cosa che non lo è. I cittadini non hanno infranto alcuna legge sabato. Quello che è successo è il frutto di decisioni che alla fine ricadono su di noi e creano conseguenze. Ma che possiamo fare? Impedire alle persone anche di fare un regalo per Natale? In settimana le persone lavorano, è normale che lo facciano nei week-end e se i centri commerciali sono chiusi è normale che lo facciano in  centro. Comunque cercheremo di controllare sin dal primo pomeriggio, di incentivare l’uso dei parcheggi esterni all’acropoli, di aumentare volontari e forze dell’ordine in centro, ma in definitiva, possiamo limitare le auto, di certo non le persone”.
Secondo Paolo Mariotti, presidente di Perusia Futura, “sabato non c’è stato tutto questo assembramento di cui si parla. Le persone non erano ammassate. Io c’ero. Le foto danno una prospettiva distorta” spiega. “E anzi - aggiunge - erano tutti molto disciplinati, fuori e dentro i negozi. Nessuno si vuole ammalare e i cittadini sono più intelligenti di quello che si possa pensare. Ma vogliono fare i regali i regali di Natale e toglierci ogni forma di feste mi sembra troppo”. E sul centro storico aggiunge: “Adesso tutti se la prendono con il corso, ma qualcuno è andato a vedere quante persone ci sono al Percorso Verde? O in qualche mega store di ampia metratura?”.