Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria sicurezza, diminuiscono furti e aumentano colpi ai bancomat

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Aumenta il numero dei furti, resta stabile quello delle rapine, supera quello medio nazionale il valore dell’indice di rischio per quanto riguarda gli attacchi agli Atm, gli sportelli automatici di prelievo delle banche. In Umbria si registrano 1.8 attacchi ogni 100 sportelli, la media nazionale è di 1.2.
I dati sono quelli contenuti nel Rapporto intersettoriale sulla criminalità predatoria 2020 elaborato dal Dipartimento di pubblica sicurezza in collaborazione con l’Associazione bancaria italiana. I numeri sono relativi al 2019. Per quanto riguarda i furti, sono 1.476 ogni 100.000 residenti (contro una media nazionale di 1.769), l’anno precedente in Umbria (che conta 882.015 abitanti) erano stati 1.647 ogni 100.000. Le rapine, invece, sono state 24 ogni 100.000 abitanti, dato esattamente uguale a quello dello scorso anno. La media nazionale è di 40. Furti e rapine hanno una distribuzione tra le fasce orarie abbastanza bilanciata: una leggera prevalenza nel numero dei furti nelle ore centrali della giornata e una leggera prevalenza delle rapine nelle ore serali. Per quanto riguarda i furti, quelli in abitazione rappresentano la tipologia più frequente.