Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, medico morto per Coronavirus. A Roma l'autopsia. Sequestrate cartelle cliniche e chiamate al 118

Fra.Mar.
  • a
  • a
  • a

E’ andata avanti per ore l’autopsia sulla salma del medico perugino morto per Coronavirus al Santa Maria della Misericordia, Stefano Brando. L’esame è stato disposto dal Procuratore aggiunto di Perugia, Giuseppe Petrazzini, titolare, insieme al Procuratore, Raffaele Cantone, del fascicolo sulla morte dello stimato medico di famiglia, aperto dopo la denuncia della vedova. 
Ad eseguire l’esame - nominati dalla Procura perugina - per le cui conclusioni è stato chiesto un termine di 90 giorni, sono stati il medico legale, Antonio Oliva, l'anatomo-patologo Vincenzo Arena e il rianimatore Andrea Arcangeli, consulente medico del Papa. Le analisi si sono svolte presso il policlinico Gemelli di Roma, che ha le strutture adeguate per eseguire esami autoptici su cadaveri Covid, anche se Brando, al momento del decesso, era negativizzato. Accanto ai medici legali nominati dalla Procura, ci sono poi i consulenti di parte della famiglia, i medici legali Vittorio Fineschi e Sergio Scalise Pantuso, incaricati dagli avvocati Marco Piazzai (per la figlia di Brando) e Carlo Bonzano per la vedova. 
Secondo quanto emerge, il quadro riscontrato dai medici legali sarebbe compatibile con le conseguenze a lungo termine di una polmonite che hanno causato una insufficienza multiorgano. 
Intanto i poliziotti della squadra mobile della questura di Perugia hanno sequestrato la cartella clinica della vittima e le chiamate audio al 118 fatte prima che il medico venisse ricoverato. I file audio verranno trascritti mentre le cartelle verranno analizzate da un consulente. A chiedere di far luce sulla drammatica e prematura morte del medico di base che probabilmente si è infettato al lavoro, era stata la moglie con un esposto depositato in questura. La donna, e ancora prima la figlia in un post su Facebook, avevano lamentato ritardi nella presa in carico del paziente da parte del 118 e e ritardi anche per il suo ricovero in terapia intensiva.