Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, lavoro: a ottobre autorizzate più di quattro milioni di ore di cassa integrazione

  • a
  • a
  • a

E’ emergenza lavoro. Lo scorso mese di ottobre, secondo i dati elaborati a novembre dall’Inps, sono state autorizzate in Umbria 4.138.562 ore di ammortizzatori sociali per emergenza Covid. Di queste, 2.299.674 sono di cassa integrazione ordinaria, 1.200.427 fondo di solidarietà e 638.461 di cassa in deroga. I numeri sono tanto più significativi se vengono rapportati al mese precedente. A settembre erano state 655.556 le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate, 418.465 per fondo di solidarietà e 711.157 di cassa in deroga per un totale di 1.785.178 ore. Allora si era registrata una frenata che aveva fatto ben sperare. Ad agosto, infatti, le ore complessivamente autorizzate erano state 4.2 milioni, 5 milioni e mezzo a luglio. Ottobre segna, invece, il nuovo crollo con un ammontare complessivo di ore autorizzate quasi triplicato nel giro di un mese. L’Inps, a livello nazionale, ha provato a fare anche un’analisi più approfondita. Per quanto riguarda la cassa in deroga, il settore che ha avuto il maggior numero di ore autorizzate è il commercio, seguono alberghi e ristorazione, quindi attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e servizi alle imprese. Per quanto riguarda i settori che, sempre nel mese di ottobre, hanno avuto più ore autorizzate sono alberghi e ristoranti, attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese e commercio. Infine per la cassa integrazione ordinaria, i settori che assorbono il maggior numero di ore autorizzate sono quelli relativi alla fabbricazione di macchine e apparecchi meccanici ed elettrici, il metallurgico, il tessile e abbigliamento. Le associazioni di categoria, in particolare per quanto riguarda il commercio e il settore turistico, da tempo stanno evidenziando come la pandemia si stia trasformando, anche in Umbria, anche in emergenza sanitaria. E le previsioni sono nere anche in considerazione della forte flessione di consumi prevista per dicembre, generalmente il mese più importante da un punto di vista economico.