Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, i morti nelle Rsa salgono a 39. Sono 515 i casi di ospiti contagiati

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Altri dieci ospiti delle Rsa umbre morti per Covid in pochi giorni. E ventuno nuovi contagiati nello stesso lasso di tempo. E’ quanto emerge dai dati aggiornati a sabato 21 novembre. A questa data risultano 39 decessi complessivi tra le persone ospitate e 349 gli attualmente positivi.
Al 19 novembre - sempre stando alla banca dati della Regione - erano 328 gli attualmente positivi. Ed erano 29 decessi. I morti 
Ma è solo la punta dell’iceberg. Ai 349 attualmente positivi vanno aggiunti 127 altri ospiti che sono guariti. Più i decessi. Questo vuol dire che i casi totali sono stati 515. Su un totale di 1.483 persone ospitate nelle 65 strutture monitorate. I soggetti con il virus rappresentano il 23% del totale. Stando alla rilevazione del 21 novembre,la percentuale dei deceduti è il 2,63%. Quarantacinque di queste sono “strutture residenziali” mentre le altre sono centri diurni e tipologie simili. Gli attualmente ricoverati sono 45. Fanno parte dei 349 attualmente positivi.
Non finisce qui. Manca ancora il dato degli operatori. Eccolo: sono 176 i contagiati. Si tratta di 15 infermieri, 133 operatori socio sanitari e 28 animatori.
Quella dei positivi e dei morti nelle strutture residenziali protette è una delle criticità del sistema. Segnalata anche nell’ultimo report Iss (9-15 novembre) in cui si evidenzia la presenza di nuovi focolai. In particolare si evidenziano nuovi cluster “ negli ultimi sette giorni in Rsa, case di riposo, ospedali o altri luoghi che ospitino persone vulnerabili, ossia anziani e soggetti con patologie”. Questo fatto è funzionale alla valutazione dell’algoritmo che poi indica il grado complessivo di rischio e “costituisce un elemento di criticità per l’impatto sui servizi sanitari”. Durante la prima ondata in Umbria le strutture protette non sono state colpite dal Covid come in questa seconda fase. In molti casi il virus è entrato veicolato da operatori e animatori. Come è avvenuto al Fontenuovo di Perugia, dove si è arrivati a 54 ospiti contagiati. Sono state complessivamente 48 le strutture sparse per la regione che hanno registrato casi di positività al Covid.