Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto, è morto Marco Provenzani. Il fisioterapista di 38 anni che anche il Papa aveva aiutato

La diagnosi a gennaio, il Santo Padre, tramite la parrocchia di Sferracavallo, aveva mandato un contributo per le cure. Che purtroppo sono state vane

Davide Pompei
  • a
  • a
  • a

A fine gennaio 2020, senza alcuna avvisaglia, a Marco Provenzani, fisioterapista di Orvieto, in provincia di Terni, era stato diagnosticato un colangiocarcinoma non operabile purtroppo già metastatizzato a rene destro, fegato, polmoni, linfonodi e ossa. A metà febbraio, il 38enne orvietano aveva concluso il primo ciclo di chemioterapia, non efficace su questo tipo di tumore maligno, molto raro, con metastasi diffuse. All'inizio di marzo, la radioterapia alle ossa.

Martedì 17 novembre 2020 il suo cuore ha cessato di battere, a Roma, dove avranno luogo i funerali. Per lui si era mobilitato anche Papa Francesco che, tramite la parrocchia di Sferracavallo, aveva fatto arrivare alla famiglia la somma di 3 mila euro per sostenere i costosi trattamenti in America. “Marco – ricorda don Danilo Innocenzi, alla guida della parrocchia di Santa Maria della Stella e San Pietro Parenzo – è cresciuto qui a Sferracavallo. È per questo che, quanto prima, faremo una messa di suffragio, uniti nella preghiera e nella speranza della Resurrezione”.

Ed è per questo che martedì 17 le campane della chiesa del quartiere hanno suonato a lutto. Sui social, invece, non sono mancate testimonianze di affetto virtuale, ricordi e foto. “Ognuno – scriveva Marco – combatte la sua battaglia, ma è solo grazie alla solidarietà che possiamo farcela a volte. Credo fermamente in queste parole e, chi mi conosce, sa quanto le abbia integrate nella mia vita”.